Medi Teddy: paura della flebo? A 12 anni inventa l’orsetto nascondi-sacche

0
135
medi teddy

La paura di aghi, siringhe e ospedali è piuttosto comune. Purtroppo, molti malati sono costretti a lunghi ricoveri lontano da casa e dagli ambienti a loro familiari. Le cure intensive, i macchinari, le flebo e le diagnosi possono intimorire i più sensibili, come i bambini. Quella che segue è la storia di Ella, una ragazzina che da anni combatte contro una malattia autoimmune. La sua paura per la flebo l’ha spinta a inventare Medi Teddy: un orsetto nascondi-sacche, per alleviare il suo ricovero e quello di tanti altri bambini.

Ti consigliamo questo approfondimento – Bambole bambine: la controversa invenzione antipedofilia

La storia di Ella

Medi TeddyElla Casano ha 12 anni e vive nel Connecticut con la sua famiglia. Soffre di piastrinopenia immune (una malattia legata alla coagulazione del sangue) da quando aveva 7 anni. La malattia la costringe a trascorrere molto tempo in ospedale. Ciclicamente, ogni 6-8 settimane, deve sottoporsi a trasfusioni.

Nel tempo, ha sviluppato una forte paura della flebo, con la quale convive forzatamente. Per superarla, ha creato Medi Teddy: un peluche che serve a nascondere la sacca per la terapia. Il primo prototipo dell’orsacchiotto è stato realizzato tra un ricovero e l’altro. Ella, per ingannare il tempo e vincere la sua paura, si è munita di forbici e colla a caldo modificando uno dei suoi peluche.

Ti consigliamo questo approfondimento – Cardarelli: al via il nuovo reparto di Ematologia e Centro per le staminali

Combattere la paura con Medi Teddy

Medi Teddy
Foto dalla pagina Instagram di Ella

La prima volta che ho fatto una trasfusione, sono rimasta intimidita e quando ho visto altri bambini sentirsi spaventati come me, ho deciso di inventare Medi Teddy“. L’idea di Ella è subito piaciuta ai medici. La dodicenne e sua madre hanno perfezionato l’orsacchiotto da lei creato fino a renderlo perfetto per la flebo. Medi Teddy è stato poi consegnato alle infermiere per testarne l’utilizzo.

Il retro del sacchetto è realizzato in modo che infermieri e medici possano vedere lo stato del medicinale che il paziente sta ricevendo. “Lo scopo di Medi Teddy è quello di nascondere una sacca di fluido, farmaci o prodotti sanguigni dal bambino che lo riceve, mostrandogli una faccia amichevole da guardare” ha spiegato la mamma di Ella.

Ti consigliamo come approfondimento – Mini-robot naviga da solo nel corpo: è svolta per la robotica medica

La raccolta fondi

Medi Teddy
Foto dalla pagina Instagram di Ella

Ella e la sua mamma hanno lanciato una campagna di raccolta fondi per realizzare altri Medi Teddy. Se riuscissero a raggiungere la somma di 50.000 dollari potrebbero realizzare e consegnare ben 500 Medi Teddy! Un obiettivo ambizioso ma tutt’altro che lontano. Infatti, in poche ore, hanno già raggiunto la cifra di 20.000 dollari. Ella ha fatto sapere che, una volta raccolti i soldi per realizzarli, gli orsetti verranno regalati ai bambini ricoverati nei reparti pediatrici degli ospedali. Inoltre, lei e sua madre avvieranno un’associazione no profit in questo settore.

Anche se giovanissima, la dodicenne americana ha dimostrato di avere un cuore enorme. Oltre a superare la sua grande paura, ha realizzato un piccolo progetto che farà del bene a tanti altri bambini come lei.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here