Medico No Vax fingeva di somministrare il vaccino perché lo riteneva inutile

0
1200
Medico falsi Green Pass

Medico falsi Green Pass: il medico dichiarava di somministrare il vaccino ma non era così. Numerosi No vax si recavano da lui per ottenere il Green Pass falso. La Procura di Pistoia indaga sulla vicenda. I Carabinieri hanno sequestrato i presunti falsi Green Pass e arrestato il medico.

 Ti consigliamo come approfondimento-Campania, più di 50 Green Pass falsi caricati sulla piattaforma Sinfonia

Medico falsi Green Pass dopo finti vaccini

braccio finto vaccino, anticipo terza doseUn medico toscano è stato arrestato poiché dichiarava falsamente di somministrare il vaccino anti-Covid. Molti No vax lo raggiungevano da tutta la Toscana per ottenere un falso Green Pass. Le indagini sono state condotte dai Carabinieri di Prato e Firenze, coordinate dalla Procura di Pistoia. Il medico è stato posto agli arresti domiciliari e al momento risultano essere indagate 19 persone. Il medico, di Pistoia, è accusato di falso, peculato, truffa al Servizio Sanitario Nazionale e omissioni di atti d’ufficio. Dalle prime indiscrezioni pare che il medico non percepisse denaro o regali per effettuare queste false registrazioni. Il procuratore Tommaso Coletta ha spiegato che il medico agiva in merito alla propria convinzione personale della presunta inutilità del vaccino.

Ti consigliamo come approfondimento-Green Pass falsi venduti su Telegram a 250 euro: due canali oscurati

Medico falsi Green Pass: indagini partite da Prato

allievi carabinieri campana, pomigliano d'arco operaio mortoTra le accuse nei confronti del medico spicca quello di peculato. Infatti, il medico è accusato di presunta dispersione dei vaccini che non venivano somministrati. Tali vaccini venivano gettati e quindi inutilizzati. I no vax di tutta la Toscana avrebbero diffuso la notizia, tanto che il medico era diventato famoso. Infatti, molti avevano raggiunto il medico per essere registrati sulla piattaforma. L’indagine è partita dalla segnalazione di una donna ai Carabinieri di Prato riguardo ad una falsa somministrazione fatta al figlio. Infatti, la donna, preoccupata che il figlio potesse ammalarsi, ha dichiarato che il medico non aveva vaccinato il figlio. Sono partite immediatamente le indagini dei Carabinieri che hanno fatto emergere moltissime registrazioni sospette effettuate dallo stesso medico. Pertanto, sono state segnalate e sequestrate le registrazioni da lui effettuate. Si attendono novità nelle prossime ore.