Shock, cinque agenti massacrano a morte un afroamericano: autorità diffondono i video!

0
485
Menphis pestaggio

Memphis pestaggio – Scorre ancora del sangue per le strade degli States. Le immagini agghiaccianti arrivano da una serie di video che sono state diffuse dalle autorità di Memphis; suddette immagini testimoniano un episodio di una brutalità inaudita da parte di cinque agenti nei confronti di Tyre Nichols. Fermato per una presunta guida spericolata, il giovane afroamericano è stato massacrato di botte da chi la legge dovrebbe tutelarla.
I cinque agenti sono stati licenziati e saranno chiamati a difendere la propria posizione davanti a una corte; le accuse che gli vengono contestate sono quelle di omicidio di secondo grado, aggressione, sequestro, cattiva condotta e abuso.

Ti consigliamo come approfondimento – Protesta delle donne iraniane per la libertà: a Teheran camminano senza velo

Memphis pestaggio: gli agghiaccianti video

Memphis pestaggioCome è stato anticipato, la testimonianza è data dai brutali video che sono stati messi in rete dalle autorità di Menphis. In uno di essi si intravedono gli agenti trascinare fuori dall’abitacolo del veicolo il giovane.
Dannazione” impreca il giovane, “non ho fatto niente. Sto solo cercando di tornare a casa”. Tuttavia, queste parole cadono nel vuoto. Gli agenti, infatti, lo obbligano a terra e arrivano anche a spruzzargli lo spray al peperoncino negli occhi. Sempre come si vede dalle immagini, il giovane tenta – inutilmente – la fuga. Uno degli agenti lo spara con il teaser. Un altro video, quello ripreso da una telecamera di sicurezza piazzata all’incrocio della strada, permette di vedere il brutale pestaggio degli agenti.
Nichols resterà lì a terra per i successivi 21 minuti. È il tempo che impiegano i primi soccorsi a raggiungere il posto. Il ragazzo morirà dopo tre giorni di agonia.

Ti consigliamo come approfondimento – George Floyd: verdetto storico, l’agente Chauvin condannato all’unanimità

Memphis pestaggio: le proteste

George Floyd verdettoL’episodio che ha portato alla morte di Tyre Nichols ha portato alla memoria quello di George Floyd. Questo ha comportato una serie di proteste in tutto il Paese. Manifestanti si sono radunati a Times Square – qui si son avuti scontri con le forze dell’ordine e arresti – ma anche Washington e a Boston.

Ti consigliamo come approfondimento – Iran, attentato all’ambasciata dell’Azerbaigian: ucciso il capo delle guardie e ferite due persone

Biden: “Sono indignato e profondamente addolorato”

Biden cannabis, Trump Biden positivo Covid, biden militari europa, G7 Putin, Biden comitato disinformazione, Massimo Cacciari Gad Lerner,La vicenda non è passata di certo inosservata, tant’è vero che anche l’inquilino della Casa Bianca, il Presidente Joe Biden, ha espresso la sua indignazione per l’accaduto.
Come tanti, sono indignato e profondamente addolorato nel vedere l’orribile video del pestaggio che ha provocato la morte di Tyre Nichols” ha affermato ‘Potus’. “È ancora un altro doloroso promemoria della profonda paura e del trauma, del dolore e dello sfinimento che gli americani di colore sperimentano ogni singolo giorno”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × uno =