Mense scolastiche da incubo: scoperte quasi 500 violazioni in 1.058 mense

0
615
Mense scolastiche da incubo
Fonte Carabinieri Nas

Mense scolastiche da incubo: i controlli del Nas in alcune mense scolastiche hanno scoperto diverse violazioni. Sono state controllate più di mille aziende di ristorazione e sono state riscontrate quasi 500 violazioni penali e amministrative. Sono stati, inoltre, sequestrati oltre 700 kg di alimenti e sospese e sequestrate 9 cucine.

Ti consigliamo come approfondimento-Shock nella mensa della scuola: chiodo trovato nel piatto di un bambino

Mense scolastiche da incubo: 482 violazioni

mensaMense scolastiche da incubo, potrebbe essere il titolo di un nuovo programma televisivo ma non lo è. Il nucleo operativo dei Carabinieri ha ispezionato 1.058 mense scolastiche e ha scoperto diverse violazioni. Tra le ditte controllate, 341 sono risultate irregolari e 9 cucine sono state chiuse. Nello specifico sono state accertate 482 violazioni penali e amministrative con sanzioni per un totale di 240 mila euro. Le contestazioni riguardano la gestione degli alimenti, le condizioni d’igiene nei locali di preparazione dei pasti e la mancata rispondenza in qualità e quantità. Inoltre, i militari, hanno analizzato la regolarità di impiego delle maestranze e relativo possesso di adeguata qualifica e preparazione professionale. Pare che non tutti i lavoratori siano risultati in regola. In seguito ai controlli è stata disposta anche la sospensione dell’attività o il sequestro di 9 cucine per rilevanti carenze igienico-sanitarie e strutturali.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, chiusa tavola calda: alimenti scaduti e conservati vicino alle fogne

Mense scolastiche da incubo: 700kg di cibo sequestrato

In un episodio, il Nas di Potenza ha scoperto un servizio igienico adibito a estemporaneo deposito stoviglie e utensili da cucina. Sono state inoltre sequestrati oltre 700 kg di derrate alimentari, tra cui carni, formaggi, frutta, ortaggi e olio. Tali alimenti non erano stati tracciati, erano scaduti o venivano custoditi in ambienti inadeguati. Sono stati poi deferiti all’autorità giudiziaria 22 gestori dei servizi-mensa perché ritenuti responsabili dei reati di frode ed inadempienze in pubbliche forniture. Inoltre, sono accusati anche di detenzione di alimenti in cattivo erano scaduti o venivano custoditi in ambienti inadeguati. Sono stati evidenziati anche casi di cattivo stato di conservazione e inosservanze alla normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. Gli accertamenti dei Nas avrebbero inoltre rilevato l’impiego fraudolento di ingredienti di minore qualità rispetto a quella pattuita nei contratti di fornitura.

Ti consigliamo come approfondimento-La mensa non dava più i pasti ai bambini: papà paga 1800 £ e salda i debiti di tutte le famiglie

Mense scolastiche da incubo: pasta e patate senza patate

Chiusa tavola calda
Fonte Carabinieri Nas

I contratti stipulati con i Comuni riguardano la conservazione e la produzione di diversi alimenti. Per esempio, il Parmigiano Dop è stato sostituito con altri formaggi. O ancora le uova convenzionali sono state sostituite da agricolture biologica, oppure prodotti congelati usati al posto di quelli freschi. Inoltre, è stata accertata anche l’assenza di ingredienti, come presso un istituto in provincia di Caserta. Agli alunni è stato somministrato il piatto ‘pasta e patate’ senza la presenza delle patate. La maggioranza delle infrazioni, pari all’85%, ha riguardato aspetti sanzionatori amministrativi. Tra questi, rilevano i militari, le carenze strutturali e impiantistiche dei locali impiegati alla preparazione dei pasti. Rilevate anche violazioni nella mancata attuazione dell’autocontrollo, della tracciabilità e della presenza di allergeni. Quest’ultimi sono elementi fondamentali per prevenire possibili episodi di intossicazione e reazioni allergiche.