Mia Martini, a 25 anni dalla sua morte è ancora mistero

0
118
mia martini

Mia Martini è scomparsa il 12 maggio 1995. Le circostanze della sua morte (ufficialmente per overdose di cocaina) sono ancora un mistero irrisolto.

Ti consigliamo come approfondimento – Premio Strega 2020: uomini che spiegano alle donne

Mia Martini, una vita tormentata

mia martini e loredana bertèOltre la relazione tormentata con Ivano Fossati, Mia Martini ha spesso sofferto di depressione. Tra le tante disgrazie ci sono stati i ripetuti rifiuti da parte della giuria di ammissione a Sanremo. La vita di Mia Martini non è stata certo rose e fiori. Era il 1989 quando la donna, in seguito a un periodo molto pesante, ha deciso di accantonare i problemi legati alle calunnie subite e di partecipare alle selezioni per il Festival di Sanremo. La cantante riuscì quindi a esibirsi nel 1982, 1989, 1990 e 1992.
Adriano Aragozzini fu direttore artistico del Festival dell’89. A lui spettava la decisione per il destino di Mia. Molti fecero pressione sul direttore tentando di non far partecipare Mimì, già vittima nel 1983 di maledicenze che la spinsero a ritirarsi temporaneamente dalle scene.

Ti consigliamo come approfondimento – Musica in quarantena: tutti i cincerti in live streaming

Sanremo ‘89 e il contratto della vergogna

Renato Zero è stato come un fratello per Mia Martini, è sempre stato lì a prendersi cura di lei. Zero fu uno dei pochi a restarle vicino durante i periodi più bui. Soprattutto quando la gente la definiva porta sfortuna.

Ti consigliamo come approfondimento  – Ebbanesis lanciano “Schiara Juorno”

Fu Renato Zero, amico stretto di Mimì, a convincere la giuria ad ammettere la cantante a Sanremo 1989. Ma pur di far entrare l’amica in gioco, Renato si vide costretto a firmare il contratto. Gli fu proposto dallo stesso Aragozzini, che temeva la disfatta del festival a causa delle dicerie che circolavano su Mia Martini. Il contratto della vergogna prevedeva che in qualsiasi caso la responsabilità di Mia ricadesse direttamente sull’amico Renato. Ovviamente dopo tantissimi anni Aragozzini smentisce tutto poiché del contratto non vi è traccia, definendo Renato Zero come un uomo molto fantasioso nei suoi racconti. Fortuna comunque che Mia partecipò a quel Sanremo. Infatti ci regalò una delle più belle canzoni italiane: “Almeno tu nell’universo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here