Milano, un tifoso svizzero si perde e vive per 11 anni come un vagabondo

0
196
Milano tifoso svizzero vagabondo

Milano tifoso svizzero vagabondo: un tifoso del Basilea sparisce dallo stadio e viene ritrovato 11 anni dopo. L’uomo non era stato in grado di trovare i suoi amici e quindi è rimasto per 11 anni a Milano. Il suo ritorno a casa è avvenuto dopo che in strada si è rotto un femore.

Ti consigliamo come approfondimento-Cattivo odore in un condominio: trovato il cadavere di una donna di 55 anni

Milano tifoso svizzero vagabondo: si perde allo stadio

Il 24 agosto del 2004, il Basilea giocava il ritorno dei preliminari di Champions League contro l’Inter. Il pronostico della partita vedeva i nerazzurri nettamente favoriti, ma il pareggio dell’andata in Svizzera per 1 a 1, aveva lasciato delle speranze di qualificazioni agli elvetici. L’allora 60enne pensionato svizzero, avrebbe deciso di andare a San Siro con alcuni residenti della casa famiglia in cui risiedeva. Poco prima dell’inizio della partita, Rolf aveva deciso di andare al bagno. Quello che non sapeva è che da lì a poco, la sua serata si sarebbe trasformata in un incubo. Dopo essere uscito dal bagno dello stadio, il tifoso del Basilea si sarebbe disorientato e avrebbe perso il contatto con i suoi amici della casa-famiglia. A quel punto, avrebbe deciso di assistere al match in un settore diverso, da dove avrebbe assistito alla sconfitta del Basilea. La squadra elvetica perse 4 a 1.

Ti consigliamo come approfondimento-Caos a Napoli: record di contagi Covid. In tilt i servizi pubblici nella città

Milano tifoso svizzero vagabondo per il quartiere San Siro

Dopo essersi conclusa la partita, Rolf Bantle avrebbe cercato la macchina dei suoi amici fuori dallo stadio, senza però trovarla. L’uomo poiché in tasca aveva solo 20 franchi svizzeri e 15 euro, non riuscì a far ritorno a casa. Inoltre, Rolf non possedeva il cellulare e non ricorda a memoria il numero di casa. Inoltre, non ricordava alcun numero che lo potesse mettere in contatto con una voce amica. Trascorse una notte per strada, ma quella diventò un’abitudine e passarono giorni, mesi e successivamente anni. L’uomo ha vissuto per 11 anni nel quartiere Baggio, una zona non lontana da San Siro. Rolf avrebbe dichiarato, infatti: “Ben presto non ho più avuto motivi per tornare a casa”. Nel quartiere fece anche amicizia con alcuni residenti e altri vagabondi.

Ti consigliamo come approfondimento-Negato bonus 200 euro agli insegnanti precari, Cisl Valle D’Aosta: “È una vergogna penalizzare i più fragili”

Milano tifoso svizzero vagabondo: ritorna in Svizzera

Bantle, come detto, non aveva motivo di tornare in Svizzera, visto che non aveva parenti. Per questo motivo, avrebbe deciso di restare a Milano per molto tempo, anche perché sembrava non aver problemi di lingua. Inoltre, in quel periodo, Rolf avrebbe frequentato biblioteche e università. La sua esperienza a Milano è durata fino al 2015, quando a causa di una brutta caduta, in cui si fratturò probabilmente il femore, fu portato in un ospedale di Milano. Il tifoso del Basilea non era in possesso di copertura sanitaria ed essendo cittadino svizzero, fu riportato in patria dopo l’intervento del consolato svizzero. Lì venne trasportato per essere curato all’ospedale universitario di Basilea. Oggi, all’età di 78 anni, vive in una casa per anziani a Basilea.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette + tredici =