Moderna, dosaggio troppo elevato ad anziani: Report scopre l’errore di Aifa

0
287
moderna aifa
Dalla pagina Facebook di Report

Con terza dose di Moderna Aifa ha sbagliato i dosaggi di somministrazione agli anziani che hanno ricevuto la terza dose tra settembre e ottobre. A rendere noto l’errore il servizio di Report mandato in onda nella serata di ieri. Alla base ci sarebbe un’errore di comunicazione tra l’Aia e il Ministero della Salute. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Vaccino Moderna: Svezia sospende somministrazione under 30. Rischio miocarditi

Terza dose Moderna Aifa e l’errore di comunicazione 

moderna aifa, astrazeneca danimarca
Logo dell’AIFA

L’errore fa riferimento alla campagna di vaccinazione per la terza dose avvenuta tra settembre e ottobre. Ad essere stati vaccinati in questo periodo sono gli immunodepressi e gli anziani. Per la prima categoria si parla di una “dose addizionale” necessaria per completare il ciclo di vaccinazione. Per gli anziani la terza dose è invece stata denominata un booster ovvero un rinforzo dopo il ciclo vaccinale già completato. Questa differenza fondamentale avrebbe dovuto significare anche una differenza di dosaggio. Per. Gli immunodepressi infatti la terza dose di Pfizer o Moderna era a dosaggio intero. Per gli anziani che dovevano ricevere il booster invece bastava una dose ridotta. Per un errore di comunicazione tra Aifa e Ministero, per due settimane agli anziani è invece stata somministrata una dose intera di Moderna. Si tratta di 100 microgrammi invece dei 50 necessari. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Covid, terza dose: oggi la decisione dell’Ema. Figliuolo: “Andremo spediti”

Moderna, l’avviso della azienda farmaceutica 

moderna aifa, Tamponi Green Pass CrisantiA parlare di una riduzione della dose è stata la stessa azienda farmaceutica statunitense. Moderna ha reso nota questa sua decisione all’Fda e all’Ema il 3 settembre scorso. Come rende noto il servizio di Report, sei giorni dopo le considerazioni di Moderna, l’Aifa rende noti di procedere con la somministrare di una dose intera sia per Pfizer che per Moderna. Il cambio di rotta per Moderna avviene ufficialmente solo l’8 ottobre. Con una nota ufficiale si autorizza un dosaggio di 100 microgrammi solo con Pfizer. Durante le quasi tre settimane di richiami però, Report rende noto come circa 40mila anziani hanno ricevuto un dosaggio di Moderna maggiore di quello necessario. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto + dieci =