Molestie alle alunne: assistente palpeggiava le minorenni, ora ai domiciliari

0
69
molestie alunne

Molestie alunne: Un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari è stata emessa oggi nei confronti di un assistente scolastico 66enne di Salsomaggiore Terme, comune di Parma in Emilia-Romagna. Il 66enne è accusato di violenze sessuali aggravate ai danni di sei alunne d’età compresa tra i 15 e i 18 anni.

Ti consigliamo come approfondimento – Stupro di gruppo su una minorenne durante una festa: indagati 5 giovani

Molestie alunne: sei minorenni molestate sessualmente

molestie alunneScattano le manette per un assistente di laboratorio di un istituto scolastico della città salese. A far scattare le indagini, le denunce delle ragazze. Le sei alunne, d’età compresa tra i 15 e i 18 anni, hanno riferito alla dirigente scolastica delle ripetute molestie dell’assistente. Sembrerebbe che durante lo svolgimento delle lezioni, in diverse occasioni, l’assistente avrebbe approfittato della distrazione dei professori. Le continue molestie sessuali consistevano in toccamenti, strusciamenti e palpeggiamenti di glutei e seno. Le molestie avvenivano anche in presenza di altri alunni che però tacevano.

Le sei vittime, stanche delle continue molestie, hanno denunciato.  Si sono presentate, accompagnate dalla dirigente dell’istituto e dai genitori, presso la stazione dei carabinieri di Salsomaggiore. Per verificare l’illecita condotta dell’collaboratore scolastico, le ragazze sono state ascoltate con l’ausilio di un consulente. Le minorenni hanno raccontato di alcuni episodi e circostanze poco gradite. Molti degli episodi narrati risalgono al periodo tra dicembre 2020 e maggio 2021. Anche altri alunni sono stati ascoltati, alcuni perché coinvolti personalmente, altri perché testimoni dei fatti.

Ti consigliamo come approfondimento –  Violentava i bambini dell’asilo in cui lavorava: 14 anni di carcere per lui

Molestie alunne: 66enne ai domiciliari

molestie alunneSulla base degli elementi raccolti dalle indagini fatte dal pm Daniela Nunno, il Gip ha emesso provvedimento giurisdizionale cautelare ai domiciliari nei confronti del 66enne. Il Giudice per le Indagini Preliminari non ha applicato solo la misura cautelare, l’assistente ha il divieto di comunicare con le persone offese e con i loro familiari. La direttrice si dice sconvolta dall’accaduto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 1 =