Monete rare: come 2 euro possono valerne 2000

0
132
monete rare

Ogni giorno, può capitare di maneggiare monete da 2€, per la spesa, il giornale o il biglietto del treno. Senza saperlo, però, potremmo avere tra le mani un piccolo tesoro. Alcune di queste sono infatti considerate monete rare e hanno perciò un valore molto più alto di quello originale. Un’immagine particolare e una data speciale potrebbero determinare la rarità della moneta. Non ci resta che controllare nel nostro portafogli o salvadanaio.

Ti consigliamo come approfondimento – Arrivano le nuove banconote da 100 e 200 euro: ecco cosa cambia

Monete rare, tra le mani un probabile tesoro

monete rareLe monete da 2€, nell’ultimo periodo, hanno attratto una notevole attenzione mediatica. Si parla di un vero e proprio tesoro. Eppure, spesso le usiamo per le commissioni più banali, senza neanche controllare. Scoprire se in tasca abbiamo davvero monete rare è più semplice di quanto possiamo immaginare. Basta prestare attenzione all’anno e all’effige riportati nel disco interno.

Le monete sono tutte uguali per forma e peso ma un taglio o un’effige diversi possono essere determinanti. Il perché di questo valore così alto è presto svelato. Molti Paesi che hanno adottato l’Euro hanno realizzato delle edizioni speciali. Si tratta di monete celebrative in numero limitato o monete che riportano errori. I collezionisti ne sono alla costante ricerca e il loro valore aumenta col passare del tempo. Chiunque, inconsapevolmente, potrebbe trovarsi tra le mani una moneta che vale una fortuna. Alcune di queste infatti, arrivano a superare i 2000€!

Ti consigliamo come approfondimento – Agricoltura, l’Italia sale in cattedra e dà lezioni in Europa

Quali sono le monete rare a cui prestare attenzione

monete rareLe monete speciali prodotte in occasione di eventi commemorativi, celebrazioni o anniversari sono molte. Tra quelle che valgono maggiormente ci sono:

  • Moneta da 2€ San Marino 2004. Sono 110.000 le monete coniate per onorare Bartolomeo Borghesi, storico italiano. Oggi valgono tra i 150€ e i 200€;
  • Moneta da 2€ Finlandia 2004. Coniata in occasione della prima serie di monete commemorative approvate dalla BCE. Ne esistono circa 500.000 e attualmente valgono circa 50€;
  • Moneta da 2€ Vaticano 2005. Coniate 100.000 monete in occasione della Giornata della Gioventù a Colonia, attualmente valgono 300€;
  • Moneta da 2€ Slovenia 2007. Coniate solo 40.000 unità per commemorare il 50° anniversario della firma del Trattato di Roma, oggi valgono 50€;
  • Moneta da 2€ Monaco 2007. In onore di Grace Kelly, ha un valore di 2.000€.
Ti consigliamo come approfondimento – Hotel d’arte: ecco dove dormire circondati da capolavori

Come e perché investire in monete rare

monete rareLe monete rare vengono valutate in base a due caratteristiche:

  • Il materiale con cui sono prodotte, sinonimo di preziosità;
  • Il valore storico e qualitativo che considera il disegno, le scritte e il contesto in cui sono state coniate.

Per queste ragioni, i collezionisti dividono le monete rare in due tipologie:

  • Investimento, in vista di una futura vendita;
  • Per la numismatica o collezione, conservandole come pezzi unici di una collezione privata, mostrandole solo su richiesta e in eventi di alto valore storico e culturale.

Parlare di monete rare significa addentrarsi in un settore in cui finanza, storia e cultura si intrecciano. Più rare e antiche sono le monete, più il loro valore è alto. Non si tratta, però, solo ed esclusivamente di un valore economico: spesso molte monete antiche non entrano nel circuito della vendita, bensì vengono esposte in musei o mostre.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here