Covid, insegnante deceduta dopo il vaccino: indagini in corso

0
189
Morte insegnante Vaccino

Morte insegnante vaccino – Annamaria Mantile, insegnante di 62 anni, è deceduta pochi giorni dopo aver ricevuto il vaccino. Tuttavia, la correlazione tra somministrazione e decesso è ancora da accertare. I carabinieri hanno disposto il sequestro e l’autopsia del corpo per condurre le indagini.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Johnson & Johnson, prossimo l’ok dell’Ema: ecco perché cambierà tutto

Morte insegnante vaccino: l’accaduto

Morte insegnante vaccinoMorte insegnante vaccino – Annamaria Mantile, insegnante di 62 anni, è deceduta a Napoli pochi giorni dopo essersi vaccinata contro il Covid. Era professoressa d’inglese all’Istituto Comprensivo Statale “Cesare Pavese”, all’Arenella. Sabato mattina ha ricevuto la prima dose di AstraZeneca, ovvero il farmaco previsto per tutte le insegnanti sottoposte a profilassi. Dopo essersi recata alla Mostra d’Oltremare per essere vaccinata, non ha mostrato alcuna reazione avversa. Nei giorni successivi, invece, ha cominciato a soffrire di nausea, vomito e forti dolori intestinali. Al seguito di un lavaggio, le cose sono andate meglio. Ma, subito dopo, è iniziato il repentino peggioramento. Sono giunti seri problemi respiratori, seguiti poi dall’arresto cardiaco e dal decesso.

Il fratello dell’insegnante ha subito presentato denuncia ai carabinieri del quartiere Vomero. I militari hanno sequestrato il corpo, come da prassi, per disporne l’autopsia. Ad analizzare il fascicolo è la pm Giuliana Giuliano, coordinata dal procuratore aggiunto Raffaello Falcone. Al momento, non è ancora emerso il legame tra la morte di Annamaria Mantile e la somministrazione del farmaco.

Ti consigliamo come approfondimento – Campania zona rossa da lunedì? Contagi in aumento: arriva la terza ondata

Morte insegnante vaccino: la situazione in Campania

Morte vaccino CampaniaMorte insegnante vaccino – Nel weekend tra il 20 e il 21 febbraio è iniziata la somministrazione dei vaccini al personale docenti e ATA. Il farmaco utilizzato è quello di AstraZeneca. Al momento, sono state 98mila le adesioni nella comparte scolastica. Tra questi, 996 dirigenti, 80 mila docenti e 16.740 collaboratori ATA.

Nel frattempo, la campagna vaccinale in Campania accelera. Al di sopra degli 80 anni, sono 80.521 i cittadini ad aver avuto la prima dose del vaccino. 273.860, invece, sono i membri del personale sanitario che si sono sottoposti a profilassi completa. La regione, sino ad ora, ha ricevuto:

  • 245 dosi di Pfizer/BioNTech;
  • 500 dosi di Moderna;
  • 900 dosi di AstraZeneca.

In totale, sono state somministrate 413.037 dosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × 1 =