I morti Covid finiscono nei container: non c’è più spazio

0
553
Morti covid

Il Covid, piaga del 2020, ha causato un numero altissimo di morti. Precisamente in Italia i morti covid sono 69.214. Nelle nostre menti è ancora impressa l’immagine dei carri militari di Bergamo che trasportavano le salme. Adesso quei carri si trasformano in container per le salme. Nell’ospedale di Legnago (Ve), ormai saturo, le salme vengono conservate in container frigorifero. Anche Roma, in overbooking, sfrutta i container.

Ti consigliamo come aggiornamento – Fine pandemia Covid: quando e come avverrà? Ce lo dice la storia

Morti Covid nei container: le celle frigorifero della morte

morti covidNel Veneto i decessi sono sempre molto alti. Con 5.481 morti, le sale mortuarie sono, purtroppo, sempre piene. l’ospedale di Legnago, nella bassa veronese, secondo l’ultimo report dell’Azienda Zero della Regione Veneto ha 102 pazienti Covid ricoverati, 19 in terapia intensiva. Da regolamento, spiegano fonti dell’Ulss 9 Scaligera, bisogna tenere sempre un posto libero nelle celle mortuarie per eventuali casi che necessitano di autopsia. 

Per avere quel posto libero è stato impiantata una vera e propria cella frigorifera mortuaria. Un container per accogliere i morti Covid tra l’edificio che ospita le celle mortuarie e il pronto soccorso dell’ospedale «Mater Salutis». Il container non è visibile dall’esterno.

Nella nota della Direzione Azienda Ulss 9 Scaligera si legge che le salme sono state poste, con rispetto e cura, in un luogo appositamente predisposto di stazionamento provvisorio, in attesa che avesse luogo la cerimonia di tumulazione o di cremazione. 

Ti consigliamo come approfondimento – Coronavirus: il calvario del corpo

I container dei morti Covid: da Verona a Roma

Morti covidMorti Covid in container refrigerati: non è una pratica limitata al Veronese ma la troviamo anche nella periferia di Roma. Nei pressi del cimitero Flaminio sono stati piazzati dei container che ospiteranno le bare che il cimitero non riesce più a stipare.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid: la variante inglese colpisce ancora in Italia

La decisione presa dall’Ama è nata dalle troppe cremazioni richieste. Solo nel mese di novembre le cremazioni sono state 1.521, 252 in più rispetto a novembre 2019. In linea generale per questa procedura servono tre settimane. I parenti, addirittura, devono attendere anche più di due mesi per riavere indietro i resti dei loro cari. La decisione nasce proprio da queste lunghe attese e dal numero alto di morti. Sono stati noleggiati per sei mesi, fino a maggio 2021, dieci container refrigerati dove saranno conservati i feretri in attesa di essere cremati. Questa pratica è stata adottata anche in Germania.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dieci − 5 =