Variante Delta, morto un 32enne di Pozzuoli: una delle vittime più giovani

0
407
Morte Cotugno variante Delta

Morto Cotugno variante Delta – In queste ore crea scalpore e sconcerto la notizia della morte di un 32enne, originario di Pozzuoli, che è stato colpito dalla variante Delta. Il ragazzo aveva contratto il virus in vacanza. Con l’aggravarsi delle sue condizioni il 32enne è stato trasferito al Cotugno.

Tra le vittime della variante Delta vi è anche Paolo Tortora, il re del catering. 

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, anziana vince 500mila euro con gratta e vinci. Tabaccaio la deruba

Morto Cotugno variante Delta: una delle vittime più giovani del virus

spostamento regioni, passeggero volo positivo, cts lockdown, decreto draghi, coppia italiani india, Morto Cotugno variante DeltaNon ce l’ha fatta il 32enne originario di Pozzuoli. È morto a causa della variante del Covid-19, la variante Delta, la più diffusa e più pericolosa in questo periodo. Il giovane, come si apprende da altre agenzie di stampa, non era vaccinato; dal ritorno delle vacanze aveva cominciato ad avvertire tutti i sintomi del virus. Dapprima, ha passato qualche giorno a casa con antibiotici e altri farmaci – su consiglio del medico. Nelle ore successive si è aggravato ed è stato poi necessario un suo ricovero. È stato ricoverato all’ospedale di Pozzuoli. Le sue condizioni di salute sono ulteriormente peggiorate ed è stato necessario un suo trasferito al Cotugno di Napoli. Gli operatori sanitari hanno fatto di tutto per salvargli la vita, purtroppo i suoi polmoni erano irrecuperabili. Il 32enne è morto nella nottata in sala di rianimazione.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid, variante Delta: il sintomo più comune? Lo starnuto

Vittime della variante Delta: ha colpito anche il «re del catering» a Napoli

Morto Cotugno variante DeltaMorto Cotugno variante Delta. Tra le vittime della variante Delta figura anche il nome di Paolo Tortora. Il 61enne, conosciuto come il re del catering a Napoli è venuto a mancare verso la fine di agosto a causa del virus che da due anni a questa parte sta sconvolgendo il mondo. L’uomo, come raccontato la moglie in un’intervista al Corriere del Mezzogiorno, aveva cominciato ad accusare sintomi verso l’inizio di agosto. Inizialmente, Tortora è stato curato a casa, poi è stato necessario il suo ricovero fino alla sua intubazione il 22 agosto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

undici − 9 =