Morto finanziere 48enne a tre giorni dal vaccino: si indaga

0
394
morto finanziere vaccino

Morto finanziere vaccinoRaffaele Tramontano era il nome del finanziere 48enne venuto a mancare dopo tre giorni dal vaccino. Un malore in caserma ha reso inutili i soccorsi, è deceduto mezzo’ora dopo l’arrivo al Dono Svizzero di Formia. Si indaga sulla sua morte.

Ti consigliamo come approfondimento – Festa abusiva, 10 persone arrestate e multate per regole anti-Covid

Morto finanziere vaccino: morto dopo tre giorni dall’iniezione

Morto finanziere vaccinoLo scorso martedì, 24 marzo, Raffaele Tramontano, finanziere in opera a Formia originario di Scauri, si era vaccinato. Come da calendario, toccava alle forze dell’ordine vaccinarsi. Ad essere inoculato è stato il farmaco targato AstraZeneca. Ieri, 25 marzo, Tramontano accusava accusato dolori fisici. Il suo attaccamento per la professione non gli ha impedito però di presentarsi in caserma il giorno seguente. Al Centro Navale della Guardia di Finanza di Formia, alle 7:30, il maresciallo della Compagnia di Formia delle Fiamme Gialle, ha accusato un malore e si è accasciato al suolo.

Nell’attesa dell’arrivo del 118, i suoi colleghi hanno tentato di rianimarlo. A mezz’ora dall’arrivo all’ospedale Dono Svizzero di Formia, il maresciallo delle Fiamme Gialle Raffaele Tramontano è morto. All’esterno del nosocomio si è radunata un folla di amici e colleghi intorno alla famiglia.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid Napoli, via alla sperimentazione del vaccino Takis: come candidarsi

Morto finanziere vaccino: si indaga

Morto finanziere vaccinoPer ora, l’iniezione con il vaccino AstraZeneca è solo un collegamento temporale. Saranno effettuati tutti gli accertamenti per chiarire la causa della morte e se, eventualmente, ci sia una correlazione con la dose di vaccino somministrata. Arrivano anche le condoglianze del sindaco di Minturno, Gerardo Stefanelli: “ho appreso con grande dolore la notizia dell’improvvisa scomparsa di un finanziere di 48 anni, nostro concittadino. Partecipo al dolore dei suoi congiunti ed esprimo a nome di tutta l’amministrazione il più vivo cordoglio ai suoi familiari“.

Questa è l’ennesima morte sospetta post vaccino AstraZeneca. Intanto arrivano le prime risposte alle indagini su una delle prime morti post vaccino. La procura di Bologna si è infatti espressa sulla morte del docente 61enne Giuseppe Morabito deceduto il 13 marzo scorso. Il procuratore Giuseppe Amato ha dichiarato che non c’è nessun legame tra il decesso e la somministrazione di AstraZeneca. Inoltre, l’esame medico legale ha rilevato che il 61enne era portatore di infezione da Sars-Cov2.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

16 − 6 =