Bestemmia durante una sagra, i Carabinieri lo sentono: 38enne riceve multa di 200 euro

0
1290
Multa bestemmia

Multa bestemmia: è successo ad una festa di paese. Un uomo è stato sanzionato dai Carabinieri per aver associato Dio al nome di un animale. La multa, arrivata qualche giorno dopo sul posto di lavoro, è pari a 200 euro. “Se tutti quelli che bestemmiano venissero multati, risaneremmo il debito pubblico italiano”, ha affermato l’uomo in preda all’incredulità.

Ti consigliamo come approfondimento – Andrea Aiello, 29 anni, morto in un incidente. Lo strazio dei colleghi: “Brillante e perbene come pochi”

Multa bestemmia: è accaduto a Semproniano, in provincia di Grosseto

Multa bestemmiaMulta bestemmia – I fatti di questa vicenda si sono svolti a Semproniano, in provincia di Grosseto. Tutti gli abitanti della zona stavano partecipando numerosi alla “Sagra della panzanella”. Il protagonista della storia è un trentottenne toscano, Simone Sernissi.

L’uomo aveva deciso di trascorrere la serata di Ferragosto, insieme ai propri amici, nella festa del paese. Insieme hanno bevuto qualche bicchiere di vino per alzare il tono dell’umore e per trascorrere qualche ora in allegria.

Tuttavia, durante i festeggiamenti, Simone Sernissi ha bestemmiato. Lo ha fatto associando il nome di Dio a quello di un animale. “Durante un momento scherzoso e goliardico, mi sono sentito arrivare dell’acqua o della birra sul collo e mi sono girato usando un intercalare tipico della Maremma, una bestemmia che cita la divinità cristiana e il nome popolare del maiale domestico”. Così ha raccontato l’uomo alla testata giornalistica “Il Tirreno”. E la bestemmia è arrivata alle orecchie dei Carabinieri presenti sul posto, i quali non hanno esitato un attimo a raggiungere l’imprenditore toscano per avvertirlo della sanzione in arrivo.

Ti consigliamo come approfondimento – Bambino abbandonato in auto nel parcheggio della metro: i suoi genitori sono irrintracciabili

Multa bestemmia: sanzionato anche per manifesta ubriachezza

allievi carabinieri campana, pomigliano d'arco operaio mortoMulta bestemmia – “Se tutti quelli che bestemmiano venissero multati, risaneremmo il debito pubblico italiano”. Così ha commentato la vicenda Simone Sernissi, multato per aver bestemmiato durante la sagra di paese. La multa preannunciata dalle Forze dell’Ordine locali, tuttavia, non era solo riferita alla bestemmia detta ad alta voce.

Vista la condizione psicologica del momento e la sorpresa di aver ricevuto un simile avvertimento, non mi sono scusato. Anzi, mi sono un po’ arrabbiato, forse peggiorando la situazione”, ha rilevato l’uomo. E la sorpresa è arrivata qualche giorno dopo, sul posto di lavoro. Nel suo laboratorio si sono presentati i Carabinieri, i quali gli hanno notificato ben due multe. Una era riferita alla bestemmia in pubblico, l’altra era per la manifesta ubriachezza, oltretutto al cospetto delle Forze dell’Ordine. Il tutto è costato 204 euro.

I Carabinieri hanno esclusivamente fatto rispettare una regola e pagherò le multe, dato che le regole devono essere rispettate. Ma è una legge assurda, obsoleta, priva di ogni fondamento logico. E, a mio parere, ingiusta”, ha commentato, infine, Simone.