Napoli, 21enne strangola la madre: voleva i soldi per la droga. Arrestato

0
143
21enne strangola madre

21enne strangola madre. Accade a Soccavo, nel quartiere napoletano di Napoli. Motivo della violenza, il bisogno di soldi per potersi comprare la droga. Oltre al tentato strangolamento della madre, il 21enne si sarebbe scagliato anche sul padre, picchiandolo violentemente. Il ragazzo è stato arrestato dalle Forze dell’Ordine. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, phishing bancario: 7 arresti e un sequestro di 97 mila euro

21enne strangola madre: la violenza nella notte

omicidio bellisario, 21enne strangola madre Non sembra trattarsi del primo episodio nelle mura domestiche, ma sicuramente uno dei più violenti. È accaduto nell’appartamento poco dopo la mezzanotte. Il ragazzo sarebbe entrato di forza nell’abitazione e si sarebbe scagliato contro la madre. Il giovane pretendeva soldi per potersi comprare della droga. Davanti al rifiuto netto della madre scatta la violenza. Il 21enne tenta di strangolare la donna. Il peggio è stato evitato solo dall’arrivo del padre. Anche l’uomo è stato però aggredito dal figlio che lo ha colpito ripetutamente. Le urla durante l’aggressione hanno allarmato i vicini che hanno chiamato le Forze dell’Ordine. All’arrivo dei Carabinieri le violenze del ragazzo sui due genitori erano ancora in atto e il 21enne è stato preso con la forza. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Aurora Leone esclusa da Partita del Cuore: “Sei donna non puoi giocare”

21enne strangola madre: le denunce 

Napoli phishing bancario, 21enne strangola madre Il ragazzo dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia aggravati. Un’accusa che si aggiunge alle altre denuncia già ricevute. I passati episodi di violenza avevano infatti spinto i genitori a denunciare già altre volte i maltrattamenti del ragazzo. A quest’ultimo era infatti già stato imposto l’allontanamento familiare, che non è stato rispettato. Un aggravante di cui il giudice terrà conto. Il 21enne è stato già questa notte trasportato nel carcere di Poggioreale. È ora in attesta di giudizio per maltrattamenti e per aver violato le restrizioni che gli erano state già in precedenza imposte. Accuse che possono portare ad una condanna che va dai 3 mesi ai 7 anni di reclusione. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × tre =