Napoli, residente centro storico denuncia: “Abbiamo paura di subire rapine”

0
173
Napoli appello crescita illegalità

Napoli appello crescita illegalità: un abitante del centro storico di Napoli denuncia l’aumento di atti illeciti. Il residente racconta alcuni episodi di rapine e violenze a cui assistito e di cui è vittima. Illegalità diffusa anche sui social, principalmente su Tik Tok.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, uomo aggredisce e violenta una donna fuori la scuola del figlio

Napoli appello crescita illegalità: appello residente della città

napoli assembramento piazza San Giovanni
Fonte: YouTube

Un residente del centro storico di Napoli ha denunciato in una lettera l’aumento di atti illeciti nella zona. Infatti, l’abitante racconta di atti criminali che vengono effettuati nel centro storico della città partenopea. Nella lettera scrive: “Ormai vivere nel centro antico napoletano è sinonimo di terrore. È da dodici anni che vivo a Napoli, prima per studio poi per lavoro. Quello che sta accadendo in questo periodo ha dell’assurdo. Tra esperienze vissute in prima persona e di amicizie, ormai decennali, l’argomento del giorno è: Ieri sera ho subito una rapina. Racconto qualche episodio per rimarcare la cattiveria e l’incoscienza di queste persone. Con alcuni amici, nei pressi di San Domenico Maggiore, siamo stati avvicinati da due ragazzi. Questi ci hanno avvicinato con l’intento di rubare la borsa, dopo una breve colluttazione mi sono ritrovato a terra e con il cellulare rubato.”

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, ordinanza movida è un flop. Residenti esasperati: “Possiamo solo scappare”

Napoli appello crescita illegalità: “Vogliamo vivere senza paura”

CoronavirusIl residente continua: “Qualche giorno dopo due ragazzi hanno scippato una mia amica trascinandola a terra. Alcuni giorni dopo, mio fratello, mentre tornava a casa con la ragazza e un’amica si è ritrovato con un coltello puntato alla gola. Un’altra ragazza è stata spruzzata con lo spray al peperoncino per un telefono. Ultima, nei pressi della Cappella di Sansevero un ragazzo e due ragazze minacciate con una pistola, fortunatamente situazione risolta senza alcun danno. Ce ne sarebbero centinaia di situazioni analoghe. L’elemento preoccupante è la zona in cui avvengono questi brutti episodi. Vuol dire che il centro storico ormai è in balia di queste persone e nessuno fa nulla per impedirlo. Onestamente stiamo arrivando all’esasperazione. Vogliamo vivere senza paura.”

Ti consigliamo come approfondimento-Tik Tok video celebrativi per un assassino. Denuncia del consigliere Borrelli

Napoli appello crescita illegalità anche su Tik Tok

TikTokGli atti illegali sono in netto aumento nella città, e spesso sono anche pubblicizzati sui social. Infatti, sul social network “Tik Tok” capita spesso di trovare gag di cattivo esempio. Infatti, l’ultimo esempio è Sabino Edificante, detto o’Malese, che si vantava di lavorare per la Camorra. Oppure di altri tiktoker come Rita De Crescenzo.  La donna, durante il lockdown, venne multata dalla polizia municipale sul lungomare di Napoli. La donna si fece riprendere mentre ballava e cantava la sua canzone sbeffeggiando le autorità. Per sensibilizzare i contenuti sul social è nato l’Osservatorio di TikTok. L’osservatorio è gestito dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. Qui è possibile trovare tutti i video segnalati dai cittadini che mostrano contenuti sensibili. Tra questi atti vandalici, liti, omaggi alla camorra e anche truffe in diretta.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 + venti =