Napoli: autista vs Polizia, sparano alle gomme ma fugge. Il video è virale!

0
73
Napoli auto polizia,

Napoli auto polizia, una combo che si presenta ieri tra Piazza del Plebiscito e Piazza Trento e Trieste. Un’auto non si ferma all’alt della polizia locale e della polizia di stato, anzi li sperona. Gli agenti cercano di fermarlo sparando prima come avvertimento poi alle gomme. L’automobilista comunque si da alla fuga. Viene fermato poco dopo dalle volanti. L’uomo aveva bevuto e urtato vari taxi poco prima, questo sarebbe il motivo del suo comportamento. Il video dell’accaduto ripreso dai molti è subito andato in rete.

Ti consigliamo come approfondimento – Assalto a portavalori sull’A1, spari e auto in fiamme: rapinatori in fuga

Napoli auto polizia: dal posto di blocco al tentativo di fuga

Napoli auto polizia,Un automobilista ha bevuto troppo e l’alcool lo porta a speronare macchine su macchine a Napoli. Tra queste vi sono molti taxi che allertano le forze dell’ordine. I fatti avvengono tra Piazza Trento e Trieste e la Piazza del Plebiscito. Subito si forma un posto di blocco che inizialmente frena l’auto. Gli agenti intimano all’uomo di scendere ma quest’ultimo prova la fuga. Sperona le auto della polizia locale e di stato, gli agenti sparano alle gomme. L’uomo non si ferma comunque e con l’auto si crea un varco per fuggire. Parte subito l’inseguimento e di lì a poco verrà fermato ed arrestato dagli agenti.

Ti consigliamo come approfondimento – Pompei, spari davanti agli Scavi: marito apre il fuoco contro l’ex moglie

Napoli auto polizia: il commento del Comitato Vivibilità Cittadina

Napoli auto polizia,La vicenda, ripresa dai più, è subito stata mandata in rete. Una scena che ricorda molto quelle dei film, non accettabile in una città come Napoli. Per questo la denuncia arriva dall’avvocato Gennaro Esposito, presidente del Comitato Vivibilità Cittadina. “Da tempo dico che non è più possibile andare avanti così” afferma. Secondo il presidente si è raggiunto un senso di impunità tale che le persone si comportano così in maniera cosciente. “Consapevoli di restare impuniti”. L’uso delle armi a cui sono state costrette le forze dell’ordine non può che rimarcare tale affermazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × uno =