Napoli, branco di 20 ragazzini feriscono con brutale violenza un 13enne in strada

0
97
Napoli branco aggressione

Napoli branco aggressione: 20 aggressori armati di mazze e tirapugni ha brutalmente pestato un ragazzo di 13 anni. Il giovane ha riportato un trauma cranico e varie contusioni. Le indagini sono in corso, mentre la comunità esprime sdegno e sostegno alla vittima e alla sua famiglia.

Ti consigliamo come approfondimento-Violenta rapina a Casoria: picchia donna e gli spezza gambe e braccia

Napoli branco aggressione a un 13enne

Roma infermiere aggreditoUn’aggressione brutale ha scosso la tranquillità della comunità di San Giorgio a Cremano, provincia di Napoli. Un branco composto da venti aggressori, armati di mazze ferrate, bastoni di legno e tirapugni, ha colpito un giovane tredicenne. Il giovane è stato lasciato con un trauma cranico, varie contusioni sul corpo e una prognosi di quindici giorni. Un vero e proprio miracolo, considerando che le ferite subite avrebbero potuto costargli la vita. Il pestaggio ha avuto luogo domenica sera nella Villa Comunale in via Aldo Moro. Si tratta di un luogo che dovrebbe essere simbolo di tranquillità e svago per i cittadini. Invece, per il giovane studente, è diventato il teatro di un’esperienza terribile e spaventosa. Dopo essere stato soccorso e trasportato all’ospedale pediatrico Santobono di Napoli, il ragazzo, insieme alla madre, ha deciso di denunciare l’accaduto ai carabinieri. Le indagini sono ora in corso per identificare i responsabili.

Ti consigliamo come approfondimento-Allieva 25enne si suicida nella Scuola Marescialli dei Carabinieri: ignote le cause del gesto

Napoli branco aggressione senza alcun motivo apparente

Al momento, non è ancora emerso alcun possibile movente per questa aggressione spietata. Le dichiarazioni della vittima sono state fornite durante la denuncia e quindi sono coperte da segreto investigativo. Tuttavia, ciò che è chiaro è che il giovane è stato circondato da un branco di venti giovani. Il branco senza alcun motivo apparente avrebbe iniziato a spingerlo e poi a picchiarlo brutalmente. I testimoni oculari hanno raccontato di scene terrificanti: pugni, calci, colpi di spranga sul corpo, sul volto, sulla testa. Un violenza inaudita e senza alcuna pietà da parte degli aggressori. Uno dei componenti del branco aveva persino un coltello, aggiungendo un’ulteriore minaccia alla situazione già terribile. Inoltre, è sconvolgente sapere che nella Villa Comunale non ci siano impianti di videosorveglianza. Questi ultimi avrebbero potuto aiutare nell’identificazione degli aggressori.

Ti consigliamo come approfondimento-Pomigliano d’Arco, 17enne picchiato con una mazza: i colpevoli sparano e poi scappano

Napoli branco aggressione: comunità sconvolta

In zona sono stati segnalati episodi di violenza giovanile, sebbene mai così gravi come questo. Gruppi provenienti dalla periferia Orientale di Napoli sono stati implicati in precedenti episodi, ma nulla di così estremo come questo pestaggio. Ora la comunità di San Giorgio a Cremano, insieme alle Forze dell’Ordine, si stringe intorno al giovane studente e alla sua famiglia. È stato offerto dalle istituzioni il sostegno e la speranza di giustizia. È fondamentale che i responsabili vengano identificati e che vengano presi provvedimenti severi affinché ciò non si ripeta mai più. Questo pestaggio ha sconvolto non solo la vittima e la sua famiglia, ma l’intera comunità. È un triste richiamo alla realtà di quanto la violenza giovanile possa essere pericolosa e distruttiva. Ora, più che mai, è importante che ci sia un’unità nella condanna di tali atti. È necessario un impegno per creare ambienti sicuri e pacifici per tutti i giovani.