Napoli Covid Natale: dal Nord arrivano 1500 persone e le folle fanno spese

0
809
Napoli Covid Natale
Ph: Roberto Improta

Napoli Covid Natale si intensificano i controlli in Campania, ma non si placa la voglia di festività. Dopo un anno trascorso rinchiusi in casa, ognuno vuole raggiungere i luoghi familiari. Registrati 1500 viaggiatori in arrivo dal Nord alla stazione di Napoli. Scanner e tamponi a sorvegliare; ma le strade della città si riempiono di folle per gli acquisti natalizi.

Ti consigliamo come approfondimento – Campania ancora zona arancione: la regione non cambia colore

Napoli Covid Natale, la stazione di Garibaldi si prepara all’esodo

Napoli Covid NataleNapoli Covid Natale – Il dibattito sui diversi colori che tingeranno l’Italia in queste feste natalizie si è apparentemente chiuso ieri sera; ma il governatore De Luca ha, oggi, deciso che la Campania non passerà per nessuna zona gialla. Aumentano le restrizioni e le ordinanze e con queste anche i controlli.
La stazione di Napoli Centrale, a piazza Garibaldi, ha registrato l’arrivo di 1500 passeggeri provenienti dalle regioni settentrionali. 4 treni Tav si sono susseguiti tra le ore 12 e 14. Treni Italo e Frecce di Trenitalia hanno riportato anche ieri 1600 passeggeri. Il trasporto è garantito su una capienza che copre il 50% dei posti. Su ogni mezzo viaggiano tra le 250 e le 280 persone. Si prevederà, secondo le stime del Compartimento Polfer, un numero costante anche nei prossimi giorni.
Intanto, la stazione di Napoli ha organizzato un controllo al termoscanner per tutti i passeggeri; per coloro i quali la temperatura corporea supera i 37,5 C° l’obbligo di tampone nei tendoni adiacenti. La Campania doveva risultare zona gialla, così anticipava il ministro Speranza. Ma per De Luca dritti in arancio fino al 23 dicembre.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid Stazione Napoli: al via controlli sui passeggeri con tamponi e multe

Natale a Napoli, folla per strada contro le norme per gli ultimi regali

Napoli Covid Natale
Ph: Roberto Improta

Non si placa l’anima napoletana. Fatta la legge, trovato l’inganno?
Via Toledo, via Roma, piazza dei Martiri, Via Umberto I. Le principali vie dello shopping si riempiono di folle.
Contro ogni ordinanza del governatore De Luca e del Governo vigente, Napoli vede gente ammassarsi sul proprio suolo urbano. Dai pochi negozi aperti, file di persone davanti agli ingressi, seppur intervallati e con distanziamento Covid.
Una verità va segnalata, le mascherine sono presenti insieme alle tante persone. Si infrange qualche regola, ma almeno protetti. Tra coscienza e controlli, i dispositivi di prevenzione vengono portati con dovizia.
Il bisogno di uscire, la casa che è divenuta una prigione, la mente che soffre delle troppe limitazioni. Le persone sono stanche, sentono la necessità di tornare alla normalità. Così dal Lungomare di Mergellina fino al Centro storico, c’è chi baipassa le regole: si è per strada per un ultimo regalo o per approfittare della pausa pre zona rossa. Un Natale diverso, un Natale che non dimenticheremo. Come del resto, sarà difficile dimenticare questo anno.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 + cinque =