Napoli, scoppia abitazione nei Quartieri Spagnoli: coinvolta famiglia con 4 figli

0
895
napoli incendio quartieri spagnoli,

Napoli incendio Quartieri Spagnoli, prende fuoco un’abitazione con la famiglia all’interno. Presente, al momento dei fatti anche i quattro bambini del nucleo familiare. Provvidenziale, quanto immediato, l’intervento dei vigili del fuoco di Napoli che hanno domato le fiamme. Nei confronti della famiglia si è mobilitata una gran parte della comunità. Subito sono iniziate donazioni in sostegno della famiglia. Tra queste la fondazione FOQUS, che si è subito mossa per trovare un luogo dove ospitarli. Oltre che fornire loro vestiario e beni di prima necessità tramite una raccolta di quartiere.

Ti consigliamo come approfondimento – Incendio finisce in tragedia: 19 vittime di cui 9 bambini e 62 feriti

Napoli incendio Quartieri Spagnoli: le fiamme

Caserta incendio Teverola Carinaro, incendio Airola Benevento, napoli incendio quartieri spagnoli,Siamo a Napoli, nei Quartieri Spagnoli, tra i famosi “bassi” cittadini. Orario serale, sembra tutto tranquillo, una solita giornata di quartiere. Ad un tratto però, uno dei famosi “bassi” inizia a prendere fuoco. Le fiamme dilagano. Si sentono delle urla provenire dal suo interno. C’è una famiglia dentro e con loro quattro bambini dove il più grande ha appena dieci anni. Vengono subito allertati i vigili del fuoco che intervengono immediatamente. Un intervento provvidenziale che serve a placare le fiamme ed evitare feriti. Fortunatamente infatti la famiglia esce illesa dall’incendio. Tuttavia, le fiamme hanno bruciato tutto ciò che avevano. Così, la fondazione FOQUS, si è subito mobilitata, assieme ad altre, per trovare loro un luogo dove ospitarli. Oltre che raccogliere beni di prima necessità e vestiti.

Ti consigliamo come approfondimento – Incendio in una casa, muoiono 4 bambini: erano stati lasciati soli

Napoli incendio Quartieri Spagnoli: la solidarietà

napoli incendio quartieri spagnoli,,L’incendio ha distrutto ogni cosa, una notizia tragica per la famiglia. Certo, sono tutti illesi, ma ora non hanno niente. Entrambi i genitori sono disoccupati o, quantomeno, non hanno un lavoro fisso. Per questo la comunità si è subito mossa. Nei loro confronti è partita infatti una gara di solidarietà da parte delle associazioni di zona. Tra queste la fondazione FOQUS. Che ha istituito presso la segreteria della scuola DPDB una raccolta fondi. Una richiesta che è arrivata dalla comunità stessa. Sono già stati raccolti beni di prima necessità e vestiari. Così come alla famiglia è già stata data ospitalità in un luogo sicuro. Una tragedia dunque che ha scosso tutto il quartiere ma che ha visto subito un’immediata risposta. In tanti infatti hanno subito risposto all’appello in sostegno della famiglia.

Ti consigliamo come approfondimento – Tragedia, incendio in una palazzina: bimba di 2 anni muore fra le fiamme!

Napoli incendio Quartieri Spagnoli: i bassi napoletani

Napoli multe ztl, napoli incendio quartieri spagnoli,
Dal sito del Comune di Napoli

Cosa sono i “bassi” napoletani, anche detti, in dialetto: “o vascio”? Si tratta di abitazioni ad altezza di un piano terra, molto piccole, composte da uno o due locali. Hanno l’accesso direttamente sulla strada e rappresentano una particolarità tipica del capoluogo campano. Non hanno una storia d’origine, i primi testi che ne parlano sono quelli di Boccaccio del XIV secolo. Nel corso dei secoli sono stato teatro di tragici eventi, come le epidemie di peste. Solo durante l’Unità d’Italia, tra i “bassi” scoppieranno cinque epidemie di colera. Durante il primo censimento fatto nel 1931 i “bassi” risultavano 43.507, con una popolazione al suo interno di oltre 200.000 persone. Negli anni cinquanta aumentarono a 65.000 mentre oggi se ne stimano sui 40.000. Molti di questi sono stati riconvertiti in botteghe, cantine e garage. Insomma, sono a tutti gli effetti ormai parte della storia della città napoletana.