Napoli, orrore in una casa di riposo: trovati farmaci e cibi scaduti da anni

0
44
Napoli orrore casa riposo

Napoli orrore casa riposo: farmaci e alimenti scaduti trovati dai Carabinieri e dall’Asl durante un controllo. La casa di riposo in questione è situata a San Vitaliano, in provincia di Napoli. Alcuni alimenti e farmaci erano scaduti da più di un anno.

Ti consigliamo come approfondimento-RSA Covid: anziani ospiti o prigionieri? Familiari chiedono riapertura

Napoli orrore casa riposo: alimenti scaduti

Una casa di riposo a San Vitaliano, in provincia di Napoli, è stata posta sotto sequestro dai Carabinieri del Nas e dall’Asl. Infatti, durante i consueti controlli delle Forze dell’Ordine è emersa una situazione allucinante e terribile per gli ospiti. Sugli scaffali del deposito sono stati trovati diversi prodotti alimentari e farmaceutici scaduti. Sulle confezioni in questione alla voce consumare preferibilmente c’erano date di almeno un anno. Non è stata ritrovata alcuna traccia di cibi genuini o condizioni igienico sanitarie consone. Sono stati ritrovati alcuni alimenti conservati nel frigorifero scaduti nel luglio 2021. Probabilmente tali alimenti venivano ancora spacciati come freschi e distribuiti agli indifesi ospiti della struttura. Bisogna ricordare che talune volte nelle nostre case alimenti anche conservati in frigorifero spesso dopo alcuni giorni devono essere buttati. Figuriamoci se, come in questo caso, parliamo di cibi aperti da più di un anno.

Ti consigliamo come approfondimento-Casa di riposo lager, quattro arresti: “Ti prendo a bastonate e t’ammazzo!”

Napoli orrore casa riposo: farmaci scaduti

Burioni vaccino terapia, zitromax introvabileLa situazione preoccupante riguarda anche i farmaci. Infatti, il Nucleo Operativo dei Carabinieri in collaborazione con il personale dell’Asl Napoli 3 ha scoperto farmaci scaduti. Addirittura, sono stati ritrovati farmaci con quasi un anno di scadenza che ancora venivano somministrati. Tali azioni vanno, ovviamente, contro qualsiasi basilare norma sanitaria, ma soprattutto morale. Infatti, la somministrazione di tali farmaci scaduti ha probabilmente causato problemi gravi agli ospiti a cui sono stati dati. Somministrare un farmaco scaduto potrebbe anche aver causato morti sospette nella casa di riposo. Le Forze dell’Ordine hanno aperto un fascicolo d’inchiesta nei confronti dei proprietari. La situazione, infatti, potrebbe non finire qui. Per ora, le accuse per i proprietari e i sanitari della struttura sono commercio e somministrazioni di medicinali guasti e cattivo stato di conservazione degli alimenti. Sia i farmaci che gli alimenti sono stati posto sequestro. Gli ospiti della struttura sono stati affidati alle famiglie.

Ti consigliamo come approfondimento-Genitori Cucchi in ospedale dopo un frontale con pirata della strada: “Chi ha visto parli”

Napoli orrore casa riposo: realtà diversa dalla pubblicità

ospizio lager siciliaLeggendo le pubblicità e gli opuscoli forniti riguardo alla struttura, nessuno avrebbe mai pensato a tutto ciò. Infatti, come spesso accade, su tali dépliant c’erano frasi accattivanti e rassicuranti. Basti pensare, per esempio, alla frase: “Una cucina dove vengono preparati al momento pasti genuini”. O ancora frasi come: “Un ambiente caldo e ospitale, che fa sentire i suoi anziani come a casa loro”. Sfortunatamente per gli ospiti della struttura la situazione era molto diversa. Infatti, gli anziani ospiti della casa di riposo di San Vitaliano, rimpiangevano casa propria. Come detto, sono ancora in corso le indagini. Potrebbero aumentare, come detto, i capi d’accusa nei confronti dei proprietari e sanitari della struttura. Dalle indagini, infatti, potrebbero emergere casi di morte sospette e situazioni di degrado ancora più terribili di quelle già descritte e denunciate. Bisognerà attendere la fine delle indagini per saperne di più in merito.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici + 7 =