Napoli, pasticceria sexy apre al Vomero. Nonostante le polemiche sono lunghissime le code

0
832
Napoli pasticceria sexy folla
Dalla pagina Facebook della pasticceria "Mr Dick"

Napoli pasticceria sexy folla: la gente in fila alla pasticceria sexy che vende dolci a forma di organi genitali. La sua apertura era stata preceduta da diverse polemiche, ma nel weekend ci sono state lunghe code all’esterno del locale. La polemica è arrivata anche in Comune.

Ti consigliamo come approfondimento-Annuncio di lavoro shock sui social: bar cerca 4 ragazze di “bella presenza”

Napoli pasticceria sexy folla nel weekend

amore pasticcini bakery fornoA Napoli arriva la pasticceria sexy e da qualche giorno la polemica era esplosa, ma alla sua apertura le code all’esterno erano lunghissime. Infatti, nello scorso fine settimana nella pasticceria Mr Dick, la pasticceria che vende dolci a forma di genitali è stata presa d’assalto. Le lunghe code al suo esterno hanno sconvolto il web. Molti clienti sono giovanissimi, ragazzini di 12-15 anni, richiamati dalla novità e dal clamore mediatico. Il negozio è situato a via Scarlatti-via Cilea. In esso si possono acquistare i suoi prodotti, pasticcini a forma di peni e vagine, ricoperti di cioccolato e crema. Mr Dick è comunque una catena del food già affermata in Italia e all’estero. Sono diversi i punti vendita in grandi città come Roma e Milano. Il suo successo, soprattutto tra i teenagers, è legato anche all’appeal generazionale, al fascino provocatorio della sua offerta.

Ti consigliamo come approfondimento-Ristorante le addebita il taglio della torta portata per festeggiare l’amica. È Polemica

Napoli pasticceria sexy folla: polemica

Anche se l’apertura dei nuovi store è stata spesso accompagnata da polemiche. Anche nell’ultimo weekend le lunghe code all’esterno della pasticceria sono state accompagnate da commenti. Come già avvenuto per l’avvio della sede di Milano, vicino porta Ticinese, anche a Napoli non sono mancate reazioni tra gli abitanti. La catena afferma: “Offro una vasta gamma di dolci irriverenti. Abbiamo l’ambizione di diventare uno spazio cittadino in cui parlare liberamente di sessualità per sdoganarne i tabù”. Sui profili social della pasticceria i doppi sensi si sprecano: “Noi ve lo avevamo sempre detto che le misure non contano”, meglio basarsi sulle ‘competenze’. La preoccupazione delle famiglie riguardava soprattutto i bambini, certamente attratti dai dolci, che potrebbero però fare qualche domanda prematura ai genitori. A Milano i gestori furono costretti a coprire l’insegna per il “pubblico decoro”. Si pensava che il quartiere napoletano potesse reagire male. Invece, non è stato così.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, polemica sui social: bimbo di 5 anni guida un motoscafo in mare

Napoli pasticceria sexy folla: discussione Comune Napoli

Natale Napoli 2020
Dalla Pagina Facebook ufficiale dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli

Il caso è arrivato anche alla V Municipalità Vomero-Arenella. Infatti, il tema è stato posto all’ordine del giorno di una riunione congiunta delle commissioni Turismo e Cultura e Commercio. Tale seduta è stata presieduta rispettivamente da Giulio Delle Donne e Adolfo De Santis. La riunione che si sarebbe dovuta tenere venerdì mattina, 27 gennaio, ma invece è stata poi rinviata. Tra le proposte ventilate in termini generali, non riferiti al caso specifico della pasticceria sexy, la possibilità di contingentare le nuove licenze food nella municipalità. L’obiettivo è quello di valorizzare le attività culturali e turistiche del quartiere. Fermo restando, come hanno precisato i consiglieri municipali, la tutela del libero mercato. Un ragionamento che fa il paio con le proposte discusse in questi mesi in Comune per la tutela dei borghi storici, come San Gregorio Armeno e Port’Alba.