Napoli Pizza Village 2019: un chilometro di pizza e musica a cielo aperto

0
437
Napoli Pizza Village

Continua il successo della IX edizione del Napoli Pizza Village. Fino al 22 settembre il primo food festival al mondo (riconoscimento ricevuto a dicembre 2018 a Las Vegas all’evento “The FestX Awards”) illuminerà, come ogni anno, il lungomare Caracciolo con luci, musica, spettacoli e ovviamente tanta pizza! Presenti all’evento ben 45 pizzerie, tra le più rinomate del napoletano:

  • Sorbillo;
  • Concettina ai Tre Santi;
  •  Di Matteo;
  •  Fratelli Salvo;
  •  Porzio;
  •  Vincenzo Capuano; 
  • Antica Pizzeria Da Gennaro;
  •  Isabella De Cham e tanti altri.

L’evento è prodotto e organizzato da Oramata Grandi Eventi e si avvale come media partner – per il quinto anno consecutivo – della prima radio d’Italia: RTL 102.5.

Ti consigliamo come approfondimento  Dea Sposa Party, il primo party italiano dedicato ai futuri sposi

Napoli Pizza Village: molto più di un semplice evento

Napoli Pizza VillageIl Napoli Pizza Village è molto più di un semplice evento gastronomico. È un festival vero e proprio dove il buon cibo tipico della tradizione napoletana – che vede la pizza come protagonista indiscussa – va ad abbinarsi, sul suggestivo lungomare di Napoli, con musica e spettacoli completamente gratuiti. Un viaggio tra gusto e divertimento, tra cultura e turismo, che nella precedente edizione ha segnato il record di visitatori: un milione e 50mila presenze.

L’evento mira a promuovere l’aspetto territoriale e turistico della nostra città, sia sul piano nazionale che internazionale. Infatti quest’anno il format organizzativo si sposterà ben oltre la Campania, arrivando addirittura in Medio Oriente. Insomma, Napoli esporta le sue eccellenze in tutto il mondo e a testimoniarlo è la presenza, per questa IX edizione, di troupe televisive francesi, tedesche, arabe, inglesi e perfino giapponesi.

Grazie alla collaborazione con RTL 102.5 – che trasmette per 10 ore al giorno in diretta dal palco e dal truck al centro del villaggio – i vari eventi e spettacoli realizzati all’interno del Napoli Pizza Village possono vantare la presenza di personaggi di rilievo del panorama artistico e musicale italiano e internazionale. Per degustare il menù comprensivo di pizza, dolce o gelato, bibita e caffè, basta un ticket di 12 euro.

Ti consigliamo come approfondimento – Pizza Giancarlo Siani Coop, il progetto che unisce gusto e legalità

Napoli Pizza Village 2019: tutte le iniziative

Napoli Pizza VillageLa pizzeria più grande al mondo, tutta rigorosamente plastic free, che si estende per un chilometro e 200 metri, con 50 forni attivi e che l’anno scorso ha sfornato una pizza ogni 34 secondi, quest’anno ha rinforzato le varie partnership con sponsor italiani e stranieri, scegliendo come title sponsor Mulino Caputo. Di conseguenza, le iniziative a cui è possibile partecipare sono davvero tantissime:

  • Convegni e dibattiti come Pizza Class e Pizza Kids;
  • Il Campionato Mondiale del Pizzaiuolo, giunto alla sua 18° edizione;
  • NPV D’Essai, con incontri giornalieri sulle moderne tematiche legate al mondo della pizza.

Non sono mancate le iniziative di beneficenza, come la donazione fatta dalla pizzeria Porzio agli Angeli di Strada Villanova. Tutto l’incasso di martedì 17 settembre è stato donato all’associazione, attenta al disagio sociale ed economico delle fasce più deboli.

Ti consigliamo come approfondimento – Pizza Pascalina: ospedale Pascale e pizzaioli insieme contro il tumore

Pizza e solidarietà: parola al maestro pizzaiolo Errico Porzio

Pizza Village
Il maestro pizzaiolo Errico Porzio

Qual è lo scopo della sua iniziativa benefica?

“È il terzo anno che dedichiamo l’incasso di una delle dieci giornate del Napoli Pizza Village agli Angeli di Strada Villanova. Il ricavato di questa giornata andrà a loro che provvederanno e curare e sfamare i più bisognosi.”

Grazie a lei gustare una pizza può diventare un gesto solidale. Consiglierebbe anche ad altre pizzerie di seguire il suo esempio?

“Io, più che un consiglio, voglio fare un vero e proprio appello. In molti dicono che il bene si fa ma non si dice. Invece io penso il contrario: la solidarietà e la beneficenza devono essere prese d’esempio e diventare uno stimolo per gli altri, quindi ben vengano tutte le manifestazioni in tal senso.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × 3 =