Giallo del gratta e vinci, il tabaccaio si difende: “È mio. Sono io la vittima”

0
128
napoli tabaccaio napoli

Continua il giallo del gratta e vinci a Napoli tabaccaio rilascia dichiarazioni dopo essere stato fermato all’aeroporto di Fiumicino. L’uomo stava per imbarcarsi in un volo di solo andata per le Canarie. É stato fermato dalle Forze dell’Ordine per furto aggravato. Il 57enne dichiara di essere lui il derubato. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, anziana vince 500mila euro con gratta e vinci. Tabaccaio la deruba

Napoli tabaccaio si fidente dopo essere stato arrestato: “La vecchia mente” 

nuove banconote pensione canone rai, giuseppe conte, decreto ristori quater, napoli tabaccaio Sparito per 48 ore, Gaetano Scutellaro è stato fermato all’aeroporto di Fiumicino a Roma. Nonostante vi fosse un mandato di cattura sull’uomo in tutta Italia, Scutellaro si è recato lo stesso indisturbato a Roma. Al momento di mostrare i documenti al check-in dell’aeroporto è stato identificato dalla sicurezza. Fermato con l’accusa di furto, gli è stato intimato di riconsegnare il biglietto. Inizia qui la difesa di Scutellaro che dichiara di essere lui il derubato della storia. “Quel Gatta e vinci è mio. La vecchia mente accusandomi di averglielo rubato.” L’uomo avrebbe ora intenzione di denunciare la donna che lo ha denunciato. Riguardo al biglietto vincente, l’uomo non lo aveva con sé. Secondo le sue dichiarazioni, lo avrebbe depositato in una banca di Latina. Prima di recarsi in aeroporto avrebbe infatti aperto un conto corrente, lasciando il biglietto in una cassetta di sicurezza. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Pomigliano d’Arco, incidente sul lavoro: muore operaio di 34 anni

Napoli tabaccaio: il blocco del tagliando 

Napoli tabaccaio, Napoli incidente camion, campania esplosione commissariato,Tragedia funivia Stresa, Concorso Polizia Municipale Bacoli, Veggente tedesco Madeleine McCannL’apertura del conto in banca è probabilmente avvenuta prima che l’uomo venisse a conoscenza del blocco della vincita. L’Agenzia dei Monopoli ha infatti annullato il biglietto e sospeso la licenza di vendita alla tabaccheria napoletana in questione. La tabaccheria è infatti intestata al momento alla moglie del signor Scutellaro. Quest’ultima, come dichiara il direttore dell’Agenzia dei Monopoli, dovrà “dimostrare la sua completa estraneità. Potrà riaprire solo se in giudizio verrà dimostrato che lei non c’entra nulla.” Gli inquirenti si recheranno oggi alla banca di Latina indicata dall’uomo. Se le dichiarazioni del 57enne fossero vere, il biglietto scomparso potrebbe quindi essere ritrovato oggi. In attesa dell’esito delle indagini, il direttore dell’ufficio Giochi numerici e Lotterie ha annunciato che la riscossione del biglietto è revocata. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

16 + dodici =