Napoli, 4 terroristi islamici arrestati: collegati alla strage di Berlino e ad Anis Amri

0
41
latina tentato omicidio, Napoli omicidio Ponticelli, Barletta boss video TikTok,

Napoli terroristi, sono stati arrestati in 4 e effettuate oltre 70 perquisizioni. La rete dei documenti falsi era collegata ai terroristi islamici di Anis Amri. Tutto è nato in seguito all’attentato di Berlino ai mercati natalizi del 2016. Da quella strage ha preso piede un’indagine internazionale che ha collegato l’origine al terrorista Anis Amri. Gli sviluppi delle inchieste hanno portato quindi ad una rete di documenti falsi. Sono 4 gli arresti a Napoli e 70 le perquisizioni effettuate. Tra coloro che hanno usufruito di questi documenti falsi risulterebbe esserci lo stesso Amri.

Ti consigliamo come approfondimento – F1, attentato terroristico con missili a pochi km dal circuito: il GP è a rischio

Napoli terroristi: le indagini delle autorità

napoli terroristi, latina tentato omicidio, assalto cgil arrestato franzoni,casamonica ristorante latina,Natale, mercatini, luci, famiglie, gioia… questo è quello che racconta il periodo natalizio. Ora però, spostatevi a Berlino e tornate indietro di 6 anni. Siamo nel 2016 e, per quelle strade, quel giorno, l’unico ricordo è riconducibile ad una strage. La matrice è il terrorismo islamico, il capo di tutto è Anis Amri. Partono così una serie di indagini, si cerca di arrivare alla fonte. Nel ripercorrere quei fili e analizzare i tasselli la Polizia di Stato arriva in Italia, a Napoli. Sono 70 le perquisizioni effettuate, 4 invece gli arresti, tutti nel napoletano. Ad effettuarli sono le questure di Napoli e Caserta. Hanno scoperto un giro di documenti falsi di cui, lo stesso Amri, avrebbe usufruito.

Ti consigliamo come approfondimento – Terracina: terrorista arrestato, minacciava una strage. Tradito dalle mail!

Napoli terroristi: le misure del Gip

napoli terroristi, latina tentato omicidio, napoli bambino caduto,Il Gip si è subito mobilitato. Dopo le prime indagini preliminari condotte dalla dda di Napoli, dagli agenti della Digos, della questura di Roma, della direzione centrale della polizia di prevenzione. Il tutto con la stretta collaborazione della digos delle questure di Napoli e Caserta, sono emersi 4 arresti. Il Gip ha infatti subito disposto la custodia cautelare per quattro persone. Si tratta di un senegalese, un guineano, un ghanese e un quarto straniero proveniente dall’Africa centrale. Tutti loro facenti parte di un sistema di falsificazione di documenti che operava nel territorio napoletano-casertano riconducibile al terrorista Anis Amri.

Ti consigliamo come approfondimento – Di Maio minacciato dall’Isis: la sua foto sulla rivista di Daesh “Al Naba”

Napoli terroristi: gli altri uomini nel mirino

napoli terroristi, terracina terrorista francese, Cannes terrorista accoltella poliziotto, formula uno attentato,Oltre a questi quattro arresti e alle 70 perquisizioni effettuate, ci sarebbero, secondo le autorità, altre 70 persone coinvolte. Gran parte di loro, secondo le indagini, dovrebbero provenire dal centro Africa e dalla Tunisia. La residenza però di quest’ultimi non comparirebbe soltanto nel napoletano ma in tutta Italia. Per quanto riguarda invece i documenti falsi, la polizia ha poi puntato, nel mirino delle indagini, due tipografie. All’interno di quest’ultime sono stati ritrovati strumenti atti alla produzione di documenti falsi. Per quanto riguarda invece le transazioni, sarebbe stato utilizzato money transfert.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sei − 6 =