Natale a Napoli 2020: la cultura risplende tra teatro, musica, danza e luci

0
378
Natale Napoli 2020
Dalla pagina Facebook dell'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli

Natale Napoli 2020: sicuramente un momento diverso dal solito, a conclusione di un anno senza precedenti. Il Covid-19 ha stravolto programmi, abitudini, aspettative e messo alla prova ogni settore della società. Uno dei più colpiti da chiusure e restrizioni è sicuramente quello della cultura e del turismo. L’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, però, ha lanciato l’iniziativa “Natale a Napoli 2020”, un programma di interessanti eventi culturali online e non solo. L’intento è quello di sostenere il comparto dei lavoratori della categoria, valorizzando professioni e luoghi legati all’arte e alla cultura. Ma c’è anche lo scopo di restituire il sorriso alla città. Ecco tutti i dettagli.

Ti consigliamo come approfondimento – Campania Cultura Viva, l’arte non si ferma: un Natale ricco di eventi online

Natale Napoli 2020: Napoli suona ancora

Natale Napoli 2020Si chiama “Napoli suona ancora” il progetto musicale realizzato dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli in collaborazione con Arealive. Saranno oltre 100 i musicisti partenopei coinvolti, appartenenti ad ogni genere musicale. Il PAN, Palazzo delle Arti Napoli, sarà la sede delle esibizioni degli artisti. Solo per citarne alcuni: Flo, Foja, Lettieri, Gianni Lamagna, M’Barka Ben Taleb, Gnut, Maldestro, Zurzolo, Mimmo Maglionico & Pietrarsa. Un team di professionisti si occuperà di riprese e registrazioni per la realizzazione dei contenuti audio-visivi destinati alla fruizione del pubblico.

Ti consigliamo come approfondimento – Decreto Natale e divieti di spostamento: tante le regole, troppe le scappatoie

Natale Napoli 2020: (H)EARTH_ecosystem of arts and theatre

Natale Napoli 2020Questo progetto vedrà protagonisti tanti piccoli teatri: Airots napoli Na, Il Pozzo e il Pendolo, Nuovo Teatro Sanità, Teatro area Nord, Teatro dei Piccoli, Teatro Elicantropo, Teatro Nest, Teatro Sancarluccio, Teatro Serra, Teatro Tram, Teatro Troisi. Questi metteranno a disposizione di 12 compagnie i loro luoghi per allestire 12 performance di danza, teatro e spettacoli per ragazzi. Saranno coinvolte oltre 100 persone nel mese di dicembre e nei primi mesi del 2021. Il progetto è stato ideato da Teatri Associati di Napoli/Teatro Area Nord. E ovviamente è promosso e sostenuto dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.

Ti consigliamo come approfondimento – Stella di Betlemme a Natale, dopo 800 anni il ritorno della cometa

Natale Napoli 2020: Luci sulla città

Natale Napoli 2020Luci sulla città” è il progetto di installazioni luminose che farà risplendere tutta la città, dal centro alla periferia. Le luminarie riprodurranno frasi, versi di canzoni o di poesie in molti luoghi cittadini. Papa Francesco, Pino Daniele, Massimo Troisi sono alcuni degli autori scelti. Oggi, 23 dicembre, è prevista l’accensione del primo luogo, simbolo della città, il Maschio Angioino. Saranno poi convolti altri luoghi come Ponticelli, la Sanità, Palazzo Fuga a piazza Carlo III, Barra, Fuorigrotta, il Museo Filangieri, Pianura, San Pietro a Patierno, Piscinola, Galleria Umberto I, Marianella, Miano, il Vomero, il Colonnato di piazza Plebiscito.

Ti consigliamo come approfondimento – Decreto Natale: Giuseppe Conte vara le nuove strette

Natale Napoli 2020: le parole del Sindaco e dell’Assessore

Natale Napoli 2020
Dalla Pagina Facebook ufficiale dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli

Di seguito, le parole del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris e l’assessore alla Cultura e al turismo del Comune di Napoli Eleonora de Majo:

“Nonostante i tempi, nonostante il tempo, a Napoli sarà Natale. Con la musica, il teatro, la danza, le luci colorate. Con i musicisti, gli attori, i ballerini, i tecnici, le maestranze, i luoghi della cultura aperti e ristorati per il lavoro che faranno. Che è lavoro anche per l’anima, degli artisti e del pubblico che ne beneficerà. #Nonfermiamolacultura, lo slogan utilizzato dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli a marzo durante il primo lockdown, trova, in questo ultimo atto del 2020, ancora più significato dando la possibilità a un comparto fermo dovunque nel resto del Paese di lavorare e esprimersi, di resistere, di sperare e di guardare oltre, dall’alto di un palcoscenico, verso tempi migliori’’.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × 4 =