200 persone intossicate dopo bagno a mare: nausea e vomito i sintomi

0
296
Nausea febbre vomito dopo bagno

Nausea febbre vomito dopo bagno a mare per duecento persone. Questo è quanto accaduto su una spiaggia in Algeria e si sospetta che la causa alla base di questa intossicazione sia dovuta o all’inquinamento dell’aria o delle acque. Tuttavia, al momento, non vi è alcuna certezza sulle cause che hanno provocato questi sintomi. Le autorità, coadiuvate dai medici sanitari, stanno svolgendo ancora delle indagini.

Ti consigliamo come approfondimento – Violenza shock, lite furibonda tra ex fidanzati: lei gli stacca la lingua a morsi

Nausea febbre vomito dopo bagno: il singolare caso che ha colpito i bagnanti di Tenes

Nausea febbre vomito dopo bagnoTenes, città dell’Algeria nordoccidentale. È una normale domenica estiva e le spiagge sono popolate da numerose persone che hanno come scopo quello di sfuggire all’eccessiva calura. E proprio lungo le coste della città di Tenes che si consuma un fenomeno, ad oggi, ancora inspiegabile; duecento bagnanti hanno cominciato ad accusare dei sintomi: nausea, febbre, vomito e occhi arrossati sono solo alcuni di essi. Altre persone, invece, hanno accusato dei sintomi abbastanza seri da richiedere il trasporto in ospedale.

Le autorità competenti si son mobilitate sin da subito. Hanno aperto un’inchiesta per accertare le cause alla base di questo fenomeno e hanno disposto la chiusura delle spiagge in via precauzionale. Chiuso anche un impianto di dissalazione. Tale misura, come si apprende dai media algerini, resteranno in vigore fino a quando non si farà chiarezza sulla faccenda. Intanto, una delegazione di ispettori del Ministero dell’Ambiente algerino si è già recata sul posto e ha prelevato dei campioni dell’aria e dell’acqua.

Ti consigliamo come approfondimento – Alluminio, il pericolo nascosto: il Ministero della Salute lancia l’allarme

Le ipotesi delle autorità locali

Inclusione e Ambiente, Nausea febbre vomito dopo bagno Quasi sono le cause di questa intossicazione? Come si è detto, non è ancora chiaro quale siano i motivi che hanno causato quei sintomi. Però, le autorità algerine hanno cominciato ad avanzare le prime ipotesi. Così come dimostra quanto detto dal direttore della sanità della prefettura locale:
Le vittime, le persone che stavano facendo il bagno nella spiaggia centrale di Ténès, avrebbero inalato un gas. Quest’ultimo si è diffuso rapidamente grazie al vento che ha soffiato per tutto il pomeriggio di domenica”. Il prefetto Nasreddine Benkartalia, tra le varie ipotesi che si son avanzate, ritiene che la più probabile sia quella relativa allo sversamento di una barca al largo di Ténès.

Un’altra possibile causa potrebbe essere la presenza di un’alga microscopica tossica. Questa proliferebbe nel Mediterraneo quando la temperatura è molto alta. Questa ipotesi è stata elaborata dal professor Rèda Djebar della facoltà di Scienze biologiche dell’Università di Bab Ezzouar ad Algeri. Il docente, infatti, ricorda che casi analoghi si son già avuti in passato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciannove − 17 =