Cerchi casa e hai un cognome straniero? I tuoi soldi non valgono. Le storie di Daniela e Valerio scuotono i social

0
215
affitto fuorisede

Affitto fuorisede negato per il cognome. Motivi sempre più assurdi per uno sbarramento selettivo, non proprio legalissimo. Sei omosessuale? Sei un uomo? Sei straniero? Hai un cognome straniero? Sei del sud? Sei uno studente che per sopravvivere deve anche lavorare? Hai un segno zodiacale incompatibile col mio? Allora non ti affitto casa. La classica storia del “Non sono razzista ma…”. Sui social si sta accendendo la discussione, soprattutto a opera di alcuni giovani tiktoker che hanno rimesso la lente d’ingrandimento sul problema.  

Ti consigliamo come approfondimento – Il dolore in una lettera di Mariupol: “Mia mamma è morta, l’ho sepolta sotto le bombe”

Affitto fuorisede: la storia di Maria Daniela, fuorisede a Bologna

affitto fuorisedeMaria Daniela, giovane laureata dell’università di Bologna, ha voluto raccontare le sue disavventure abitative sui social. Sia con tanta ironia che con tanta fermezza, ha effettivamente raccontato un problema che non è solo di lavoratori. Sempre più spesso, infatti, a essere colpiti sono proprio i giovani. 

Sui suoi canali instagram e tiktok (mcdanalds0), ha raccontato il “pacchetto fuorisede” già qualche settimana fa. Un video in cui, con amara ironia, la giovane rende nota la profonda ipocrisia di un territorio che si ritiene molto inclusivo ma che, forse, non lo è veramente. 

Negli ultimi giorni ha rilanciato il tema dei colloqui per l’affitto. Nel caso della sua esperienza, a Bologna. Secondo l’influencer laureata in lingue e letterature straniere, i colloqui per gli affitti a Bologna “consistono di una cosa: pura follia”. La giovane infatti sottolinea che spesso si supera davvero il limite, raccontando di come una sua coinquilina sia stata scartata da un’altra casa per il segno zodiacale. Ma non solo.  

Lei stessa racconta di essere stata scartata per il fatto di essere d’origini romene. “Sembrava essere andato tutto bene finché non arriva questo messaggio” racconta ai suoi followers. “Mi ha chiesto la proprietaria di dove sei”. Quando la giovane ha rivelato le sue origini romene, la proprietaria non ha più fatto saper niente, con notevole imbarazzo per Maria Daniela.  

Ti consigliamo come approfondimento – 18enne indotto al suicidio perché gay, la madre: “Voglio giustizia”

Affitto fuorisede: la storia del giovane Valerio 

Bonus immobili 2021, affitto fuorisedeLa storia di Maria Daniela ha innescato, soprattutto su tiktok, una discussione molto ampia. Molti i giovani, e non solo giovani, che si accodano al discorso fatto dalla giovane. Uno in particolare, Valerio Ivanov, ha rincarato la dose.  

Rispondendo con uno “stitch”, replica “Io nato e cresciuto a Milano, con mamma milanese e papà bulgaro. Non mi hanno dato una casa perché ho il cognome bulgaro”. Ma Valerio rincara la dose: se infatti molti casi sembrano essersi verificati nel centro Italia o nel nord-est italiano, nel suo caso no. “Milano 2022, signore e signori”. La città dipinta come la più inclusiva d’Italia in una delle regioni considerate più europee, inclusive e multietniche d’Italia.  

Storie da film di Checco Zalone per quanto assurde. E di cui invece l’Italia continua a essere amaramente protagonista. 

Ti consigliamo come approfondimento –  Coppia gay minacciata: “Non ce la facciamo più, cambiamo città”.

Affitto fuorisede: milioni di storie ignorate ogni anno 

nuove banconote pensione canone rai, giuseppe conte, decreto ristori quater, affitto fuorisedeMa è solo la storia di Maria Daniela e Valerio? No, anzi! Loro sono due “simboli”, perché la cronaca locale è sempre piena di gente che non riesce ad affittare, o comprare, casa per i motivi più assurdi. 

Omosessuali, stranieri o potenziali tali e meridionali sono le categorie che subiscono la maggiore discriminazione abitativa. Le difficoltà colpiscono moltissimi giovani: sia universitari fuorisede che giovani lavoratori. Ai costi, spesso proibitivi o che creano difficoltà, si aggiungono anche pregiudizi. E, come evidenziato, non solo per motivi gravi, ma anche per motivi assurdi. Colore dei capelli, segno zodiacale eccetera.  

Il tutto nel paese in cui tutti si riempiono la bocca con l’articolo 3 della Costituzione. Facendo poi quelle stesse distinzioni che la Costituzione dichiara di non dover fare. Poco importa se sei italiano e sei una persona perbene. Il tuo avo era straniero? Ti porti a letto persone del tuo stesso sesso? Ti tingi i capelli? Allora i tuoi soldi non valgono. Nel 2022 come nel 1800. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − cinque =