Neonata con cocaina nelle vene: ricoverata per emorragia da scuotimento violento

0
699
neonata cocaina,

Neonata cocaina, è positiva al test antidroga effettuato in pronto soccorso. SI tratta di una bambina di 5 mesi ricoverata per traumi da scuotimento. Ricoverata 2 settimane fa a Padova sembrerebbe essere fuori pericolo. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Laura Pausini, cubani in rivolta le bruciano i CD: “Comunista e castrista” Lei risponde sui social

Neonata cocaina: il ricovero in ospedale e il dubbio dei medici 

neonata cocaina, neonata ricoverata droga, napoli mamma muoreLa piccola è stata portata al pronto soccorso dell’ospedale di Chioggia alcune settimane fa. Con un pianto incontrollabile e alcuni piccoli traumi. Dall’analisi di un suo capello la positività ad alcuni parametri avevano insospettito i medici che hanno effettuato ulteriori esami. Arriva infine la positività alla cocaina e il trasferimento in Terapia intensiva del reparto Pediatria di Padova. Entrati in campo anche i servizi sociali si indagata sulla famiglia e sul mondo in cui la piccola sia entrata in contatto con sostanze stupefacenti. L’indagine sembra essere ancora agli inizi. Ad essere stata interrogata sembrerebbe essere solo la madre, mentre si cerca ancora di mettersi in contatto con il padre. La piccola continua ad essere ricoverata, ma secondo i medici dovrebbe orami essere fuori pericolo. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Infermiera avvelena e uccide un neonato: arrestata e rilasciata subito dopo

Neonata cocaina: i traumi da scuotimento 

neonata cocaina, vincenzino lascia ospedaleLa piccola sarebbe arrivata in pronto soccorso con traumi visibili esternamente, ma anche con un emorragia interna. Per i medici si tratterebbe di ferite avvenute in seguito a uno scuotimento violento. Si chiama la sindrome del baby shake. Probabilmente chiunque la tenesse in braccio ha cercato di farla smettere di piangere scuotendola violentemente per un periodo di tempo prolungato. La violenza usata deve aver provocato i traumi che i medici hanno curato in pronto soccorso. L’emorragia sembra però essere stata controllata e la piccola continua il miglioramento delle sue condizioni. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Strage Texas: Amerie Jo, la bimba “eroe” morta mentre chiamava il 911 per salvare tutti

Neonata cocaina: si indaga sulla situazione in famiglia

neonata cocaina, trans arresto droga, strage funivia eitanLa procura di Venezia ha già aperto un’indagine per verificare le condizioni in cui la piccola versa nel contesto familiare. Sembrerebbe che la mamma convivesse con un uomo che non è il padre della piccola, che la Procura sta ancora cercando di contattare. Inoltre dalle prime interrogazioni sembrerebbe che al momento del trauma che ha causato l’emorragia interna, la piccola era “sorvegliata” da terze parti. Ovvero né dalla mamma né dal suo compagno. Se questa dinamica sia vera e chi sia questa fantomatica terza persona, non è ancora chiaro. L’ipotesi più plausibile al momento è che al momento della dimissione dall’ospedale, la bimba non verrà ridata ai genitori. Con ogni probabilità i servizi sociali la ubicheranno in una casa famiglia e eventualmente avvieranno un’adozione in una famiglia più adeguata. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − sei =