Neonata soffocata con una busta di plastica: fuori dal coma, si valutano danni cerebrali

0
471
Neonata soffocata coma

Neonata soffocata coma: una bimba di 5 mesi è stata ritrovata nel suo lettino con un sacchetto di plastica avvolto intorno alla testa. La piccola è stata ricoverata al Gaslini di Genova il 6 giugno. Uscita dal coma, i medici stanno valutando eventuali danni cerebrali subiti.

Ti consigliamo come approfondimento – Trovato morto in casa Paolo Beldì, il regista di “Quelli che il calcio”

Neonata soffocata coma: la tragedia nella periferia di Sassari

Neonata soffocata comaNeonata soffocata coma – Tutto è accaduto il 6 giugno, a Sassari. La piccola, di soli 5 mesi, dormiva nel proprio lettino. In seguito, la mamma è entrata nella stanza e ha notato che un sacchetto di plastica era avvolto intorno alla testa della bambina, impedendole di respirare. I genitori hanno subito cercato di rianimarla, ma le sue condizioni sono da subito apparse gravissime. Dopo l’intervento del 118, la piccola è stata portata nella terapia intensiva dell’ospedale Santissima Annunziata, a Sassari.

Poche ore dopo, invece, è stata trasferita al Gaslini di Genova, grazie ad un volo dell’aeronautica militare. Proprio lì, i medici le hanno salvato la vita. Per quanto riguarda la ricostruzione dei fatti, potrebbe essere stato uno degli altri 3 figli piccoli della coppia ad infilare per gioco la busta di plastica intorno alla testa della neonata.

Ti consigliamo come approfondimento – Scandalo caserma Levante, condannati tutti i Carabinieri: 12 anni a Montella

Neonata soffocata coma: indagini in corso

Neonata soffocata comaNeonata soffocata coma – La piccola, uscita dal coma, ha dovuto subire un intervento per l’applicazione di un sondino gastrico per l’alimentazione diretta. Le sue condizioni continuano a migliorare, ma i medici non escludono la presenza di danni cerebrali.

Intanto, continuano le indagini sulla vicenda. Il sostituto procuratore di Sassari, Paolo Piras, ha iscritto nel registro degli indagati i genitori della bimba. L’ipotesi è quella di reato di abbandono di minore e di lesioni gravissime.

Il capo della Procura dei minori, Luisella Fenu, ha richiesto il decadimento della responsabilità genitoriale. La proposta è stata rigettata da Guido Vecchione, presidente del Tribunale dei minorenni di Sassari. La prima udienza di verifica è stata fissata per il mese di ottobre.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 + sette =