Napoli: neonato in ospedale con lesioni e ustioni gravi. Genitori arrestati

0
307
neonato napoli

Neonato Napoli, più precisamente del quartiere di Portici, è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Santobono. Riporta gravi lesioni e ustioni. I genitori sono stati immediatamente arrestati con l’accusa di abbandono e maltrattamento di minore. 

Ti consigliamo come approfondimento – Anniversario dell’Unità di Italia: 160 anni dalla nascita dello Stato italiano

Neonato Napoli: partorito in casa 4 giorni fa 

Santobono, neonato napoli  Il neonato ha soli 4 giorni di vita. É stato concepito in casa senza alcun tipo di assistenza medica. Il bambino infatti è stato ritrovato con lesioni da parto mai medicate. Dopo il suo arrivo in ospedale, il piccolo è stato sottoposto ad un serio intervento chirurgico. La prognosi resta tuttavia riservata ed il piccolo non è ancora completamente fuori pericolo. Oltre le lesioni interne, il neonato presentava anche ustioni nella parta esterna del corpo. Ancora non è stato condiviso il modo in cui gli siano state inflitte dai genitori. L’intervento delle forze dell’ordine e del 118 è avvenuto interno alle 2 di notte. A chiamare sarebbe stato lo stesso padre del piccolo. 

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus baby sitter e congedi parentali. A chi sono rivolti e come riceverli

Neonato Napoli: arrestati i genitori 

allievi carabinieri campana, neonato napoli In seguito al ricovero in ospedale del piccolo, i genitori sono stati immediatamente fermati. L’uomo e la donna, di rispettivamente 46 e 36 anni, sono accusati per maltrattamento a minore e abbandono. La donna avrebbe problemi psichici e per questo si trova per ora all’ospedale del Mare, nel reparto di Psichiatria. L’uomo invece è stato portato direttamente in carcere. Si trova ora in detenzione nella struttura penitenziaria di Poggioreale. Entrambi gli individui sono risultati già presenti nello schedario delle forze dell’ordine, per reati pregressi. Il provvedimento è stato eseguito dal sostituto procuratore di Napoli Francesca de Renzis. Nonché dal procuratore aggiunto Raffaello Falcone con l’aiuto delle forze dell’ordine di Portici. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

nove + 13 =