Portici, neonato ustionato dai genitori: padre è libero contro il parere del pm

0
869
neonato ustionato padre

Neonato ustionato padre viene scarcerato nonostante il parere del pm contrario. L’uomo con la moglie era stato accusato di lesioni al figlio appena nato. Il piccolo chiamato Vincenzino dai medici che lo hanno accudito aveva riportato ustioni provocate da un ferro da stiro o da contatti con agenti chimici. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Vincenzino sta meglio: il neonato ustionato avrà una nuova famiglia

Neonato ustionato padre passa agli arresti domiciliari 

neonato ustionato padre, neonata ricoverata droga, napoli mamma muoreSi tratta di Concetto Bocchetti, 46enne che nel marzo 2021 era stato arrestato per maltrattamenti aggravati sul figlio. Il piccolo Vincenzino era nato in un appartamento a Portici. Dopo solo 4 giorni dalla nascita il piccolo era stato trasportato in fin di vita all’Ospedale del mare con gravi lesioni da bruciatura. Dopo la diagnosi dei medici sia padre che madre furono incarcerati per maltrattamenti su minori. Bocchetti aveva anche a suo carico accuse pregressi di maltrattamenti anche sulla moglie. Oggi il tribunale di Napoli ha accolto in sesta sezione penale l’appello del difensore dell’uomo per farlo scarcerare. Il 46enne sarà ora agli arresti domiciliari. Il pm della Procura di Napoli si è fermamente opposto alla decisione, ma il suo parere non è stato preso in considerazione. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, miracolo per Vincenzino: il neonato ustionato riceve innesti cutanei

Neonato ustionato padre scarcerato: i motivi della nuova sentenza 

neonato ustionato padre, Neonata soffocata comaConcetto Bocchetti dovrà ora svolgere gli arresti domiciliari nella propria abitazione. Dietro la decisione del tribunale nonostante le accuse a carico dell’uomo c’è la sua posizione nella dinamica dei maltrattamenti al figlio. L’autorità giudiziaria in aula ha spiegato che il ruolo del 46enne nella vicenda èsottodimensionato rispetto a quello della coimputata Terracciano Alessandra”. La principale colpevole si ritiene essere in questo caso la madre. Inoltre l’uomo aveva già “sofferto un periodo di carcerazione pari a oltre un anno e due mesi”. In prima udienza lo scorso febbraio l’uomo era stato condannato ad una pena di sei anni di reclusione. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, neonato ustionato: Vincenzino apre gli occhi e respira da solo

Neonato ustionato padre scarcerato: resta in carcere la madre 

neonato ustionato padre, tomba alfreidno svastiche, Avellino aggressione moglie, napoli hashish figlio carcere, clienti molestia cameriera, bambino morto Kiev, sposa suicidio, napoli 12enne suicidio, Salerno 13enne muore, Benevento bimbo morto, incinta suicida, violenza napoli moglie, cane salva neonato, figlia abusi padre,L’ex-compagna dell’uomo, Alessandra Terracciano, 36enne resta per ora in carcere. La donna durante gli interrogatori si era sempre mostrata dissociata dai fatti e con una situazione psicologica molto instabile. Il suo stesso legale aveva spiegato come lei non ricordasse nulla. “Lei non ricorda nulla. Ricorda lucidamente fino al parto, da quel momento in poi mischia ricordi confusi a episodi immaginari che lei ritiene veri. È convinta che il bambino stia bene. Non riesce a capire per quale motivo si trovi in carcere”.