Niccolò Fraschini: “Napoli come il Donbass e la Crimea”. È bufera sul consigliere di Pavia

0
167

Niccolò Fraschini, consigliere comunale di Pavia, Con un post, definito “ironico”, su Instagram, avrebbe attaccato e squalificato Napoli . La polemica è divampata su Radio Kiss Kiss con il cronista Valter De Maggio. Vediamo meglio nel dettaglio la vicenda.

Ti consigliamo come approfondimento –  Il medico che ha curato Fedez: “Ha un tumore raro”

Niccolò Fraschini: il post “della vergogna”

niccolò FraschiniNiccolò Fraschini, consigliere comunale di Pavia, non è nuovo a “leggerezze” sui suoi canali social. Malgrado la giovane età, ha collezionato non poche polemiche. Non ultima, quella sul “Manifesto per la comunicazione non ostile” dello scorso ottobre. Al provvedimento ha votato contro sollevando notevoli polemiche mediatiche sul territorio e sui social.
Fraschini non è nuovo a queste uscite: già nel 2020 denigrò sul piano igienico-sanitario Napoli. In quel post il giovane criticò il risentimento verso i lombardi di “napoletani et similia…francesi…Bucarest”. L’accusa era diretta alla questione igiene durante le primissime avvisaglie della pandemia in Italia. In quel caso a rispondere furono in molti: dallo scrittore Maurizio Zaccone al presidente De Luca fino al sindaco di Napoli Luigi De Magistris, per citare i più in vista.

Questa volta, tramite i suoi social, la destinataria delle polemiche è stata la città di Napoli. Sotto una sua storia Instagram, infatti, il giovane consigliere comunale avrebbe paragonato Napoli al Donbass. “Se una potenza straniera invadesse l’Italia, a quale città sareste disposti a rinunciare? E perché proprio Napoli? Fate la vostra scelta: Napoli o Napoli”. Le polemiche non sono mancate, né sotto il post del diretto interessato né tra i salotti buoni della società partenopea e della politica partenopea.

Ti consigliamo come approfondimento –  Draghi salva Napoli? Firmato il patto con Manfredi, ma è subito polemica

Niccolò Fraschini: Le dichiarazioni a Radio Kiss Kiss

napoli polemicaMentre il giovane Fraschini cerca di difendersi, la polemica ha iniziato a strisciare sui rotocalchi fino a raggiungere Radio Kiss Kiss. La principale “difesa” del consigliere sta sulla piattaforma utilizzata e sull’intenzione del post. Ai microfoni di Radio Goal, uno dei programmi più seguiti dell’emittente radiofonica napoletana Radio Kiss Kiss, Fraschini ha chiarito che si trattasse di un post ironico destinato a uso privato di un suo canale Instagram riservato e non pubblico. “Quella è una storia condivisa sul mio profilo privato di Instagram, vorrei capire come è diventata di pubblico dominio”, ha dichiarato Fraschini. “Si sta parlando di rinuncia dell’Ucraina a Donbass e Crimea, allora io a questo mi riferivo. Se l’Italia dovesse rinunciare ad un territorio, io ho proposto il nome di Napoli”, ha aggiunto, commentando come inappropriate le critiche di istigazione all’odio.

Ecco, però, che arriva un’ulteriore leggerezza comunicativa, sempre ai microfoni della radio. “Questa dote dell’autoironia non è una caratteristica degli abitanti della città partenopea. Hanno questa caratteristica della permalosità”. A margine di questa critica, Fraschini chiosa: con un roboante “Non mi vergogno di averlo scritto”.

Niccolò Fraschini: le repliche alle affermazioni shock

niccolò Fraschini - La risposta di Maurizio de GiovanniNon sono mancati commenti, retroscena e polemiche. Lo scrittore partenopeo Maurizio De Giovanni ha criticato aspramente le capacità di giudizio del politico con una splendida risposta. Sempre a Radio Kiss Kiss ha detto: “Io scrivo libri ma dubito che il signore in questione legga libri. A prescindere da questo, vorrei capire cosa c’è di ironico in un post in cui si mette sullo stesso livello la città con luoghi massacrati dalla guerra, dove si contano morti e feriti tutti i giorni. È veramente stucchevole quello che ha fatto il signore in questione, qualcosa che ha dell’incredibile.

Il cronista di Radio Kiss Kiss, Valter De Maggio, ha raccontato come ha ritenuto di contattare il consigliere pavese per la diretta e di come sia scattato alla lettura delle notizie legate al post. “Incredibile quello che ha fatto, eppure non si è vergognato, non si è voluto nemmeno scusare”, ha dichiarato De Maggio, che ha aggiunto “Stamattina quando ho visto quell’obbrobrio ho iniziato a dare i numeri. Adesso basta, è arrivato il momento di farci sentire. Basta stare zitti” ha affermato il cronista. Ha infine invitato il sindaco di Napoli, quello di Pavia e altre varie istituzioni perché siano presi provvedimenti istituzionali e politici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

19 − 1 =