Pavia, affitto negato a 26enne di origini africane: “Vogliamo solo italiani!”

0
538
No affitto origine africano
Fonte fanpage.it

No affitto origine africano: affitto di una casa negato a un ragazzo 26enne di origini africane, in Italia da quando aveva 5 anni. Questo episodio non è l’unico subito dal ragazzo e dai suoi familiari in Italia. Si tratta di razzismo?

Ti consigliamo come approfondimento-Anche Instagram a pagamento: un abbonamento per sbloccare i contenuti degli influencer

No affitto origine africano: il ragazzo è italiano

Fonte Fanpage.it

Episodio razzista nei confronti di un giovane ragazzo di origini africane. Si tratta di Menin Hubert Don ha 26 anni e vive in Italia da quando ne aveva cinque. È originario della Costa d’Avorio, ma la sua infanzia e la sua giovinezza sono trascorse tra Vigevano e Pavia. In quest’ultima città ha iniziato il suo percorso universitario e la carriera da atleta. Una storia, la sua, di integrazione e successo, su cui cala però l’ombra del razzismo. Al giovane ragazzo è stato negato l’affitto di una casa perché di origini africane.

Il giovane a Fanpage racconta: “Nella vita sono un cameriere, studente e anche atleta. Faccio i 400 metri, quindi sono un velocista, e studio bioingegneria all’Università di Pavia. Non potendo contare sull’appoggio economico dei miei genitori, mi sono ritrovato a dover lavorare per pagarmi l’alloggio e gli studi. Purtroppo,  tutto ciò non è conciliabile con l’impegno da atleta agonista che sostenevo fino a qualche tempo fa. Presto dovrò lasciare il collegio universitario in cui avevo un posto come studente-atleta. È stata una scelta dolorosa, ma ho preferito mettere davanti lo studio”. Pertanto, il giovane atleta si è messo alla ricerca di una stanza a inizio anno. Menin ispeziona diverse pagine Facebook dove vengono pubblicati annunci di stanze in affitto per studenti.

Ti consigliamo come approfondimento-Twitter cambia logo e diventa X: l’ira degli utenti contro Elon Musk

No affitto origine africano: la conversazione shock

Trova la stanza giusta e contatta gli inquilini: “Ciao, la stanza è ancora disponibile? La risposta non tarda ad arrivare, ma lo lascia spiazzato: “Ciao, la stanza è ancora disponibile, però siccome siamo all’inizio cerchiamo un ragazzo italiano. Qualora cambiassimo idea, ti ricontatteremo”.

Il giovane racconta: “Sentendomi ferito gli ho scritto di non scomodarsi a ricontattarmi, perché io non convivo con i razzisti. Mi ha fatto male e mi fa tuttora male. Perché è una cosa che non mi aspettavo. È stato difficile avere la cittadinanza e anche ora che l’ho ottenuta devo lottare con il fatto di non essere accettato come persona solo perché ho la pelle scura?” Fa ancora più male perché l’ho subìto da un mio coetaneo, da una persona che dovrebbe come me lottare contro queste forme di discriminazioni. Ho cercato anche un po’ di mettermi nei suoi panni, però non ci sono riuscito. Non ha scusanti e non ha scuse. Si è soffermato sulla mia foto profilo e sul mio nome, non mi ha chiesto nemmeno chi fossi e se potessi pagare l’affitto”.

Ti consigliamo come approfondimento-Catania chiede aiuto: da 72 ore interi quartieri senza acqua né elettricità

No affitto origine africano: non è l’unico episodio

Bonus immobili 2021Purtroppo, però non è il primo episodio di discriminazione che Menin ha vissuto in maniera diretta o indiretta. Infatti, racconta: “Le battutine e le frecciatine ci sono sempre state. Mi è capitato varie volte durante partitelle di calcio di non ricevere la palla oppure di non essere schierato per la mia pelle scura. Mia sorella è da un anno che cerca alloggio, avendo un figlio, e non riesce a trovarlo. Lei parla perfettamente l’italiano, come lo parlo io, quando contatta i proprietari al telefono va tutto bene ma nel momento in cui si incontrano saltano fuori un sacco di scuse. Tacere è sinonimo di accettare e io non voglio essere complice di questo, anzi, voglio dar voce a chi non può. Nessuno deve ritrovarsi a combattere per essere accettato”.