Agenzia Entrate fa partire 600mila multe per gli over 50 No Vax: come contestarle

0
140
no vax multe

No vax multe iniziano ad arrivare per gli over 50 che non hanno adempiuto all’obbligo vaccinale previsto dal decreto emanato alcuni mesi fa. L’Agenzia delle Entrate fa sapere di aver spedito le prima 600 mila lettere per notificare le sanzioni. Sono oltre 2 milioni i no vax che dovrebbero essere contattati in queste settimane. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Over 50, scatta obbligo vaccinale sul lavoro: cosa rischiano i no vax

No vax multe: le prime lettere già inviate 

no vax multe, pulizia covid-19 calabria autodichiarazione, concorso cancellieri esperti decreto legge pasqua, riforma giustizia processo penale, processo clan mascitelli reddito cittadinanza, cina magistrato robotL’obbligo di vaccino per gli over 50 è in vigore da circa due mesi. Un decreto che avrà durata fino al 15 giugno. Il Governo ha dato alcune settimane di tempo ai dissidenti per recarsi ad un centro vaccinale prima di inviare le sanzioni. A due mesi dall’emanazione del decreto, l’Agenzia delle Entrate fa sapere di aver iniziato il processo per inviare le multe. Sono circa 2 milioni gli over 50 che dovranno essere multati. Secondo le prime notizie nella giornata di ieri sono partite le prime 600 mila lettere che avvertono i no vax della multa da pagare. L’Agenzia delle Entrate fa sapere che a partire da oggi verrano inviate circa centomila lettere al giorno per contattare tutti i novax nel più breve tempo possibile.

Ti suggeriamo come approfondimento – Stop Super Green Pass e addio all’obbligo di vaccino: arriva il nuovo decreto Covid

No vax multe: come contestare la sanzione  

no vax multe, agenzia delle entrate circolare decreto ristori Inps Regione Campania reddito di emergenza, bonus donne disoccupate 2021, bonus affitti contributo fondo perduto, reddito cittadinanza sospesoLe lettere in questione sono in realtà “comunicazioni di avvio del procedimento sanzionatorio”.  Secondo decreto gli over 50 che non si sono vaccinati dovranno pagare una sanzione di circa 100 euro. L’Agenzia delle Entrate sta inviando avvisi di pagamento che potranno essere contestati entro 60 giorni. Per poter contestare la multa l’accusato dovrà vaccinarsi oppure avvertire la propria Asl dei motivi della mancata vaccinazione. In entrambi i casi sarà l’Asl a dover avvertire l’Agenzia delle Entrate. E dichiarare se l’inadempienza o meno dell’obbligo si sia verificata. Sarà quindi l’Asl a decidere se un per un over50 dovrà essere confermata o meno la multa dopo la contestazione dell’accusato. Nel caso in cui l’azienda sanitaria contesti le ragioni di un over50 di non vaccinarsi, l’Agenzia delle Entrate invierà al novax la multa vera e propria che dovrà essere pagata entro 60 giorni. 

Ti suggeriamo come approfondimento – No Vax Over 50: da domani via alle multe, dal 15 anche sul posto di lavoro

Vaccini: a che punto è la decisione sulla quarta dose? 

no vax multe, braccio finto vaccino, anticipo terza dose, nuovo decreto legge covidMentre l’Agenzia delle Entrate è occupata a notificare le sanzioni a coloro che non hanno voluto fare ancora la prima dose. Il dibattito resta aperto sulla quesitone quarta dose. Per ora l’Italia sembrerebbe voler procedere con la quarta dose solo per i pazienti fragili ovvero per gli over 80. L’Aifa divulgherà la propria decisione su una possibile quarta dose il 12 aprile. Lo ha spiegato il sottosegretario della Salute, Andrea Costa. “Si dovrebbe riunire il 12 aprile. Per fornirci le indicazioni che poi dovremo accogliere. A oggi è ragionevole pensare che si proceda con la quarta dose per i più anziani, gli over 80”. Per le fasce d’età più basse, ovvero tra i 60 e i 79 anni, già l’Ema ha fatto sapere che non ci sono evidenze di un beneficio nella copertura di anticorpi con una quarta dose a queste fasce d’età. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × uno =