Nobel per la Pace 2022: premiato Ales Bialiatski (attualmente in carcere) e due Ong (russe e ucraine)

0
1389
Nobel Pace 2022 Ales Bialiatski

Nobel Pace 2022 Ales Bialiatski, è stato assegnato dunque al dissidente biellorusso. Il Nobel per la pace di quest’anno andrà all’attivista Ales Bialiatski, noto per le sue battaglie sui diritti umani. Attualmente in carcere, viene chiesto il suo rilascio durante la premiazione. Le organizzazioni umanitarie premiate sono invece due. Il Russia’s Memorial e l’Ukraine’s Center for civil Liberties (Ccl). Un messaggio chiaro dunque quello che manda la consegna del Nobel quest’anno. Che porta sotto gli occhi di tutti, ancora una volta, la situazione presente in Ucraina.

Ti consigliamo come approfondimento – Luc Montagnier, il premio Nobel no vax, è giallo sulla sua morte

Nobel Pace 2022 Ales Bialiatski:  chi è il dissidente biellorusso

Nobel Pace 2022 Ales Bialiatski
fonte: Wikipedia

Ales Bialiatski ha 60 anni ed è un attivista per i diritti umani. Risulta essere tra i fondatori dell’ong biellorussa Viasna oltre che un ex obbiettore di coscienza. Finito in carcere più volte, dove si trova attualmente. Nel 2011 arrestato dal regime di Aleksandr Lukashenko per “evasione fiscale” ma che il mondo ha giudicato come “accusa infondata” per nascondere motivi politici. Rilasciato nel 2014 viene nuovamente arrestato e condannato per 7 anni. Attualmente risulta ancora in carcere. Nel 2020 il Parlamento Europeo lo ha premiato con il premio Sakharov. Già nel 2012 aveva ricevuto il premio Vaclav Havel per i diritti umani dal consiglio d’Europa. Cinque volte nominato al Nobel, vinto solo quest’anno. Cittadino onorario di Parigi, Genova e Siracusa.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli da Nobel, è l’unica città a “ospitare” Louise Glück

Nobel Pace 2022 Ales Bialiatski: il premio all’Ong Russa

Nobel Pace 2022 Ales BialiatskiA ricevere il premio, oltre a Ales Bialiatski, sono state anche due organizzazioni. L’ong russa Memorial, nata nel 1989, con l’URSS vicino al suo crollo. Nata per studiare e denunciare violenze e crimini commesse durante il regime di Stalin. Presente sia su territorio sovietico che fuori. Al suo interno sono presenti diverse ong. Nel 2021 risultavano incorporate in Memorial, 50 ong russe e 11 provenienti da altri paesi. Quest’ultime appartenenti a Ucraina, Germania, Italia, Belgio e Francia. L’Ong Memorial è attualmente dichiarata come fuorilegge in Russia (dal 5 aprile 2022). Poiché ritenuta un agente straniero e dunque contro la legge voluta da Putin sulle Ong.

Ti consigliamo come approfondimento – Premio Nobel per la pace 2022: tra i possibili candidati Zelensky e Greta

Nobel Pace 2022 Ales Bialiatski: l’Ucraina al centro con CCL

Nobel Pace 2022 Ales BialiatskiIl Center For Civil Liberties (CCL) è l’altra Ong premiata con il nobel per la pace 2022. Si tratta di una Ong nata nel 2007 a Kiev con lo scopo di documentare crimini di guerra, abusi sui diritti umani e abusi di potere. Stesso la Ong si definisce come un attore nato con la volontà di influenzare l’opinione pubblica e politica per favorire l’attivismo civico. Per loro questo è un momento storico, come per tutta l’Ucraina. Di fatto la consegna del premio nobel a un’organizzazione ucraina rappresenta il primo caso nella storia del premio. Mai fino ad oggi era stata premiata una ong (o simile) dell’Ucraina. Un chiaro messaggio questo che il premio Nobel manda al mondo intero.