Noemi, la piccola ferita dalla Camorra incontra il Papa: “Emozione unica”

0
669
Noemi Papa Francesco
Dalla pagina Facebook di Tani Esposito

Per Noemi Papa Francesco l’ha finalmente incontrata. La piccola ferita due anni a causa della Camorra si è recata ieri in Santa Sede. Con l’aiuto dell’Arcivescovo di Napoli Domenico Battaglia è avvenuto l’incontro tanto atteso. A documentare la vicenda la madre della piccola sul proprio profilo Facebook. 

Ti consigliamo come approfondimento – Sposa accompagnata all’altare dal poliziotto che le salvò la vita vent’anni fa

Noemi Papa Francesco: l’incontro a Roma 

Papa Francesco sciatalgia, Noemi papa francesco Sul profilo di mamma Tania tante foto a documentare il tanto atteso evento. Un sogno diventato realtà poter conoscere Papa Francesco e ricevere la sua benedizione per la nostra piccola Noemi . Custodiremo per sempre nel cuore le vostre parole.” Una dedica speciale è riservata anche per Don Mimmo, l’Arcivescovo di Napoli che ha fatto da mediatore per permettere l’incontro. Tania Esposito lo ringrazia pubblicamente sui social. “Don Mimmo promessa mantenuta. Grazie di aver realizzato un sogno. Siamo sicuri che grazie al vostro impegno ma anche nostro e i vostri insegnamenti faremo grandi passi avanti nella nostra città.” 

Ti consigliamo come approfondimento – Papa Francesco torna finalmente tra la folla: “È bello rivedere i fedeli”

Noemi, vittima della Camorra

Noemi Papa Francesco
Dalla pagina Facebook di Tania Esposito

L’evento tragico risale ormai a quasi tre anni fa, quando la piccola Noemi a soli 4 anni ha rischiato di perdere la vita a causa di un attentato camorristico. Accadde in piazza Nazionale. Noemi stava giocando in strada quando purtroppo si è trovata sua malgrado coinvolta in uno scontro a fuoco. Un proiettile non destinato a lei la colpì trapassandole i polmoni. Ricoverata d’urgenza in ospedale, dopo mesi di combattimento si sveglia dal coma. Ad oggi il ricordo di quella traumatica vicenda gli è ricordato dal corsetto medico che è costretta a portare quotidianamente. Diventata uno dei simboli nella lotta per la camorra, un mese fa si è recata nella piazza dove accadde l’incubo. Oggi lì c’è un murales in suo onore. Sfondo rosa con sopra disegnati i suoi occhi innocenti. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici − quindici =