Infermiera presa a calci in testa da un no vax che aveva rifiutato le cure

0
1050
Novax picchia infermiera

Novax picchia infermiera dopo aver rifiutato le cure. Il paziente ha aggredito prima verbalmente e poi con calci in testa un’infermiera. L’uomo è stato denunciato per aggressione e lesioni. L’infermiera ha riportato contusioni per una prognosi di dieci giorni.

Ti consigliamo come approfondimento-Benevento, medici picchiati al pronto soccorso per un’attesa troppo lunga

Novax picchia infermiera dopo aver rifiutato le cure

medici picchiatiEnnesimo episodio di violenza nei confronti del personale sanitario. Questa volta è stata aggredita un’infermiera all’ospedale San Camillo di Roma. L’aggressore è un paziente no vax, che, dopo aver rifiutato le cure, ha aggredito l’infermiera. L’uomo, secondo le prime indiscrezioni, era ricoverato per Covid-19 dopo l’aggravarsi delle sue condizioni di salute. Dopo aver rifiutato di ricevere le cure, l’uomo ha spinto a terra l’infermiera e l’ha presa a calci in testa. In soccorso della donna sono arrivati i colleghi e il personale di sicurezza dell’ospedale che hanno evitato il peggio. L’infermiera è stata sottoposta agli accertamenti del caso, che hanno evidenziato diverse lesioni, per una prognosi di dieci giorni. L’uomo, invece, è stato allontanato dalla sicurezza e denunciato per aggressioni e lesioni aggravate.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, paziente spintona e insulta un medico del Cardarelli: voleva essere visitato prima di tutti!

Novax picchia infermiera: ennesima violenza

aggressione ospedale pozzuoliLe violenze a medici e infermieri sono aumentate notevolmente. Infatti, in merito è intervenuto il segretario del sindacato Nursind del Lazio, Stefano Barone. Quest’ultimo ha detto: “Gli episodi di violenza, in particolare nei pronto soccorso, sono aumentati esponenzialmente. Riceviamo segnalazioni da tutti gli ospedali. Il personale è già allo stremo, la quarta ondata della pandemia ci ha piegati. Questi episodi sono gravissimi”. La tensione negli ospedali è tanta e molti infermieri dopo violenze fisiche e verbali subite hanno cambiato lavoro. Infatti, solo 2021 ci sono stati circa 600 licenziamenti di infermieri dagli ospedali. In Campania, come nel Lazio, gli episodi di violenza contro medici e infermieri sono davvero tanti. La situazione è degenerata negli ultimi due anni e tende notevolmente sempre di più a peggiorare. Gli appelli dei sindacati per chiedere una maggiore sicurezza sono tantissimi.