Nuova terapia contro Covid-19: saranno meno i pazienti gravi e i morti

0
118
Nuova terapia contro Covid-19

Nuova terapia contro Covid-19 in fase di sperimentazione. Alcuni studi riguardano un trattamento meno invaso che possa aiutare i pazienti più gravi durante la degenza e nella ripresa. La terapia in questione è la camera iperbarica.

Ti consigliamo come approfondimento-Vaccino Covid per tutti: dal 3 giugno addio ai vincoli d’età nelle prenotazioni

Nuova terapia contro Covid-19: riduzione forme gravi

pascaleCi sono studi in fase di sperimentazione riguardanti nuove terapie contro il Covid-19. Una di queste terapie è la camera iperbarica, ambiente nel quale la pressione atmosferica è maggiore rispetto al normale. Tramite il processo di respirazione si raggiungono livelli di ossigeno nel sangue tali da permettere un risanamento delle cellule. Pertanto, tale processo potrebbe essere utilizzato anche per accelerare la convalescenza dal Covid-19. Questo processo è in fase di sperimentazione nei pazienti affetti da forme gravi di Covid e su pazienti in rapido peggioramento. La camera iperbarica non sarà utilizzata per combattere il virus alla fonte, ma preverrà stati gravi della malattia. Potrà essere utilizzato nei pazienti che non presentano la necessità di ventilazione meccanica, ma che vanno velocemente verso un peggioramento. La terapia riabilitativa, pertanto, potrà agire dopo la sconfitta del virus curando i sintomi rimasti, come la mancanza di ossigeno che causa debolezza e affaticamento.

Ti consigliamo come approfondimento-Le fa proposta di matrimonio al centro vaccini: infermiera dice “sì!”

Nuova terapia contro Covid-19: studi in corso

yara gambirasio cassazioneAd oggi sono dodici gli studi in corso per testare l’efficacia di questa terapia. Il più avanzato è quello in corso a Buenos Aires, nel quale 36 pazienti vengono curati con ossigeno iperbarico. Questi pazienti dopo soltanto due sedute hanno ottenuto notevoli miglioramenti. A seguito di tali miglioramenti, i medici hanno inserito la terapia a pieno regime riducendo i casi gravi e la mortalità. I primi risultati hanno evidenziato che il trattamento riduce l’utilizzo di respiratori artificiali e i tempi di recupero nei pazienti infetti. Questa terapia, nel caso di una malattia come il Covid-19, fornisce la quantità di ossigenazione corretta al corpo per fronteggiarla. Inoltre, tale terapia potrebbe essere utilizzata anche contemporaneamente da diversi pazienti. Pertanto, potrebbe sopperire alla mancanza di posti letto nelle terapie intensive e di respiratori sufficienti durante le ondate di Covid-19.

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 − nove =