Nuova Zelanda, sigarette illegali per i nati dal 2008: inizia la generazione senza fumo

0
670

Nuova Zelanda fumo illegale – Nel Paese oceanico, per tutti i nati dopo il 2008 l’acquisto di sigarette diventerà illegale. Nasce, così, la generazione senza fumo, che non dipenderà mai dal consumo di tabacco. “È un giorno storico per la salute della nostra gente”, ha affermato Ayesha Verrall, Ministra della Salute neozelandese. Il progetto rientra in una campagna antifumo, avviata dalla nazione già da diverso tempo.

Ti consigliamo come approfondimento – Milano diventa smoking free: scatta il divieto di fumo all’aperto

Nuova Zelanda fumo illegale: “Illegale la vendita di prodotti con tabacco”

multeIn Oceania si sta scrivendo la storia, con un risvolto più che positivo per la salute dell’essere umano. In Nuova Zelanda, infatti, verrà presto vietato l’acquisto di prodotti a base di tabacco per tutti i nati dal 2008 in poi. La decisione rientra in una più ampia campagna antifumo, avviata da tempo nel Paese.

Vogliamo assicurarci che i giovani non inizino mai a fumare e per farlo renderemo illegale la vendita di prodotti con tabacco ai nuovi giovani”. Così ha affermato Ayesha Verrall, Ministra della Salute in Nuova Zelanda.

La legge entrerà in vigore nel 2022, ovvero quando i nati del 2008 avranno 14 anni, età in cui è molto alta la media dei nuovi fumatori. In questo modo, una nuova generazione di persone non conoscerà il tabacco e non avrà alcuna dipendenza dalle sigarette.

Ti consigliamo come approfondimento – Sigarette elettroniche e IQOS: tutti i rischi del “nuovo fumo”

Nuova Zelanda fumo illegale: generazione senza fumo entro il 2025

Nuova Zelanda fumo illegaleAttualmente, in Nuova Zelanda è vietato l’acquisto di prodotti a base di tabacco a tutti i minori di 18 anni. Con la nuova legge, tra il 2025 e il 2027 si potrebbe già ottenere una generazione senza fumo.

Oltretutto, è previsto un ulteriore innalzamento dell’età legale per il consumo di tabacco e una riduzione della quantità legale di nicotina. Nel piano è presente anche un drastico taglio delle licenze per la vendita di tabacchi e un aumento di finanziamenti per i servizi anti-dipendenza.

Questo provvedimento è una vera e propria rivoluzione, soprattutto se si parla di giovani. Investire nel benessere delle nuove generazioni significa soprattutto costruire un futuro più solido.

Ti consigliamo come approfondimento – Cannabis, confusione e illegalità: cosa si può davvero fare

In Nuova Zelanda percentuale di fumatori in diminuzione

Nuova Zelanda fumo illegaleLa rivoluzione antifumo nata in Oceania fa da cassa di risonanza per il mondo intero già da qualche anno. Secondo i dati del 2018, il numero di fumatori con più di 15 anni in Nuova Zelanda è pari all’11,6% della popolazione. Vi è stato quindi un calo del 18% rispetto alla decade precedente. Per quanto riguarda il popolo Maori, il totale sale al 29%.

Anche in materia di riduzione della nicotina, quella della Nuova Zelanda “è una prima mondiale”, ha affermato Chris Chrislen, professore di Salute Pubblica.

La Nuova Zelanda sta ancora una volta guidando il mondo. Questa volta con un piano di implementazione senza fumo per il 2025 e cambiando le regole de gioco”. Così ha dichiarato la dottoressa Natalie Walker, direttore al Centro di Ricerca sulle Dipendenze dell’Università di Auckland.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × tre =