Nuove accuse per Fontana: autoriciclaggio. Adesso rischia grosso

0
192
nuove accuse Fontana

Nuove accuse Fontana. Ulteriori ipotesi di reato per il Presidente della Lombardia Attilio Fontana. La Procura di Milano ha emesso le ipotesi di reato di autoriciclaggio e false dichiarazioni. Il governatore lombardo adesso rischia davvero molto.

Ti consigliamo come approfondimento-Dpcm aprile: nella bozza sospese le zone gialle fino al 30 e scuole aperte

Nuove accuse Fontana: provenienza del denaro non chiara

moratti vaccini pil, speranza sci
Attilio Fontana, dal suo profilo Facebook ufficiale

Nell’ambito dell’indagine della Procura di Milano su materiale sanitario fornito alla Regione da un’azienda del cognato del governatore Fontana escono nuove accuse. Le indagini precedenti avevano portato già all’accusa di frode in pubbliche forniture. Ora la Procura ha richiesto però una rogatoria alle autorità giudiziarie della Svizzera inerente alla provenienza di circa 5 milioni di euro. Il denaro in questione era conservato alle Bahamas ed era intestato alla madre di Fontana e venne trasferito in conto svizzero. La procura ipotizza che nel trasferimento del denaro grazie allo scudo Fiscale, il governatore, abbia reso false dichiarazioni. Infatti, la richiesta riguarda un approfondimento dei movimenti proprio da tale conto. Secondo la Procura il governatore Fontana ha omesso alcuni documenti e informazioni inerenti alla provenienza del denaro.

Ti consigliamo come approfondimento-AstraZeneca, tagli ai vaccini: 10% di consegne in meno alle Regioni

Nuove accuse Fontana: bonifico sospeso per illecito

consiglio di statoLe indagini erano iniziate l’anno scorso in seguito ad alcuni accertamenti riguardanti forniture mediche di un’azienda del cognato di Fontana. La fornitura in questione era di circa ottantamila prodotti del valore di circa 510 mila euro. La somma non venne mai erogata poiché la fornitura venne presentata come una donazione. Ma pare che il presidente Fontana per risarcire il cognato del mancato introito abbia richiesto un bonifico di circa 250 mila euro. Tale bonifico, dal conto svizzero in questione, però fu sospeso a causa di una sospetta violazione della norma di autoriciclaggio. La sospetta violazione venne segnalata alla Banca d’Italia. Da quel momento iniziarono le indagini che oggi hanno portato ad ulteriori accuse nei confronti del governatore della Lombardia Fontana.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 − 2 =