Tokyo 2020, vince l’oro con un preservativo: la storia della campionessa Jessica Fox

0
116
Olimpiadi preservativo vittoria
Dalla pagina Facebook ufficiale di Jessica Fox - canoe Slalom Athlete

Olimpiadi preservativo vittoria: ai giochi di Tokyo 2020, la vittoria nel settore delle canoe è arrivata grazie all’aiuto di un profilattico. La protagonista della storia è la campionessa australiana Jessica Fox, la quale è riuscita ad arrivare sul gradino più alto del podio. Il suo kayak aveva subito un duro colpo sulla punta. E dopo gli interventi vani di tecnici e operai, il lampo di genio è arrivato dalla stessa atleta.

Ti consigliamo come approfondimento – Federica Pellegrini si ritira, ma non alle Olimpiadi: “A Napoli l’ultima gara”

Olimpiadi preservativo vittoria: ecco chi è Jessica Fox

Olimpiadi preservativo vittoria
Dalla pagina Facebook ufficiale di Jessica Fox – canoe Slalom Athlete

Olimpiadi preservativo vittoria –  Marsigliese di nascita, l’australiana Jessica Fox è specializzata nel settore sportivo delle canoe. Suo padre, Richard, ha gareggiato ai giochi del 1992 con la Gran Bretagna. La madre, Myriam, ha invece preso parte alle olimpiadi del 1996 con la madrepatria francese. Jessica è conosciuta in Australia non solo per le tante medaglie vinte, ma anche per il suo amore per gli animali. È infatti molto attiva nelle campagne a difesa delle specie in via di estinzione e per la salvaguardia dei canguri. Non di rado ama farsi scattare foto insieme a Labrador e Jack Russels, animali che ama molto.

Quest’anno, l’atleta è riuscita a passare alla storia grazie all’oro olimpico ottenuto a Tokyo 2020. In particolar modo, per lo stratagemma utilizzato per riparare il proprio kayak.

Ti consigliamo come approfondimento – Olimpiadi di Tokyo 2020: oro per Jacobs e Tamberi ed è festa tutta italiana

Olimpiadi preservativo vittoria: ecco cosa è successo durante la gara

Olimpiadi preservativo vittoria
Dalla pagina Facebook ufficiale di Jessica Fox – canoe Slalom Athlete

Olimpiadi preservativo vittoria – Il kayak di Jessica Fox ha subito un duro colpo proprio sulla punta, parte fondamentale per la buona riuscita di una gara. Tecnici e operai hanno provato, in vari modi, a rimediare al guasto. Come da manuale di istruzioni, è stata preparata una miscela di carbonio. Ed è lì che la campionessa olimpica ha avuto un lampo di genio.

Ogni anno, gli organizzatori dei giochi olimpici mettono a disposizione degli atleti alcune confezioni di preservativi. Questi possono essere utilizzati al rientro a casa come propaganda contro l’Aids. Jessica Fox, invece, ha utilizzato uno dei condom per avvolgere la miscela di carbonio intorno alla punta del kayak. L’intera operazione di “salvataggio” è stata filmata e condivisa tramite il social network Tik Tok. Lo stratagemma sembra andare di pari passo con le costruzioni dei primi kayak, i quali erano rivestiti da pelli di foca. Il lattice del preservativo, quindi, ha dato più forza e resistenza all’imbarcazione dell’australiana.

Ti consigliamo come approfondimento – L’Italia perde 7 miliardi l’anno per colpa degli hacker: ecco come difendersi in rete

Olimpiadi preservativo vittoria: medaglia d’oro per Jessica Fox

Olimpiadi preservativo vittoria
Dalla pagina Facebook ufficiale di Jessica Fox – canoe Slalom Athlete

Olimpiadi preservativo vittoria – L’uso del preservativo ha fatto sì che il kayak di Jessica Fox potesse gareggiare nella canoa femminile. E proprio con quella canoa, la campionessa ha vinto l’oro olimpico, salendo sul gradino più alto del podio. La genialità dell’atleta, mista alla sua bravura, concentrazione e velocità, le ha permesso di vivere a pieno il sogno olimpico. Il suo sorriso, immortalato durante la premiazione, lancia un chiaro messaggio di gratificazione e di felicità. L’impresa dell’atleta è davvero destinata a rimanere nella storia dei giochi olimpici, ma non solo. La creazione dell’ultimo minuto dell’australiana potrebbe diventare un oggetto interessante di studio per le grandi marche costruttrici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × uno =