Omicidio Cerciello, parla l’americano: “Mi hanno bendato e preso a ginocchiate”

0
173
caso Cerciello sentenza

Omicidio Cerciello americano bendato: è arrivata una dichiarazione esposta da uno degli imputati per la morte del Carabiniere originario di Somma Vesuviana. Si tratta di un lungo racconto che descrive nei dettagli ben 45 minuti di maltrattamenti subiti.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, abbandonata sul ciglio della strada e ignorata dai passanti: la denuncia arriva dai social

Omicidio Cerciello americano bendato: ecco le sue parole

morto raffaele cutolo reinserimento detenuti scarcerazioni“Mi hanno tenuto con gli occhi bendati per 45 minuti. Cercavo di capire cosa stesse succedendo, percepivo la presenza di molte persone attorno a me e qualcuno mi diceva hai i minuti contati. Questo è quanto racconta Christian Gabriel Natale Hjorth. È uno dei due turisti americani trascinati in tribunale per l’omicidio di Mario Cerciello Rega. È stato ascoltato durante il processo al tribunale monocratico di Roma. “I carabinieri sono arrivati armi in pugno nella nostra stanza dell’albergo. Ci hanno fatto spogliare e fare flessioni nudi, ci hanno scattato foto con i cellulari. Poi ci hanno fatto rivestire e ci hanno portato fuori. Poco prima di farmi salire in macchina mi hanno messo una tovaglia in testa. Avevo paura, non sapevo dove mi stessero portando, e se provavo ad alzare la testa mi davano gomitate. Quando siamo arrivati in caserma mi hanno portato in una stanza. Mi hanno tolto la tovaglia dalla testa e mi hanno buttato faccia a terra. Mi hanno ammanettato e preso a ginocchiate. Poi mi hanno messo su una sedia e da dietro qualcuno mi ha bendato.”

Ti consigliamo come approfondimento – Tiziana Cantone, risultato autopsia: morte per suicidio sempre più probabile

Omicidio Cerciello americano bendato: gli ultimi istanti di vita del Carabiniere

È la notte tra il 25 e il 26 luglio 2019, quasi tre anni fa. Mario Cerciello Rega e un suo collega stanno prestando servizio, rispondendo agli obblighi implicati dal loro mestiere. Arriva una telefonata che segnala un furto presso il quartiere Prati, a Roma. I due Carabinieri si precipitano sul posto e scovano due uomini sul posto. La colluttazione è inevitabile, ma finisce nel sangue. Cerciello viene accoltellato a morte. Poche ore dopo vengono arrestati due turisti americani che rispondono alle descrizioni degli aggressori. Nel maggio 2021 avviene il processo di primo grado, che vede entrambi condannati all’ergastolo. Ma lo scorso marzo hanno entrambi ricevuto uno sconto di pena. Hjorth dovrà scontare 22 anni, mentre l’altro uomo, Finnegan Lee Elder, 24 anni.

Ti consigliamo come approfondimento – Shock, madre uccide il figlio di 6 anni a colpi di pistola e lo trasporta nel bagagliaio: arrestata!

L’onorificenza a Mario Cerciello Rega

Omicidio Cerciello
Dalla pagina Facebook della Questura di Roma

Mario Cerciello Rega ha ottenuto, nel 2019, la Medaglia d’oro al Valor Civile. La decorazione recita così: “Addetto a una Stazione dei Carabinieri, durante un servizio esterno volto al contrasto della criminalità urbana, con eccezionale coraggio e sprezzo del pericolo, non esitava ad affrontare, unitamente ad altro militare, due malviventi autori di estorsione. Nella circostanza, uno di essi, armato di coltello, lo aggrediva proditoriamente con estrema violenza, attingendolo a morte. Fulgido esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere, spinti fino all’estremo sacrificio. Roma, 26 luglio 2019.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

14 − dieci =