Omicidio Cerciello: il Pm chiede l’ergastolo per i presunti assassini

0
233
Omicidio Cerciello
Dalla pagina Facebook della Questura di Roma

Omicidio Cerciello: la procura ha chiesto l’ergastolo per i due presunti assassini di Mario Cerciello Rega. Ci si riferisce al carabiniere di Somma Vesuviana ucciso coltellate. L’episodio è avvenuto a Roma nella notte tra il 25 e il 26 luglio 2019. Nei confronti, invece, di Saracila e Pompei, i due pusher coinvolti nella vicenda, è stata richiesta la trasmissione degli atti in procura.

Ti consigliamo come approfondimento – Ciro Migliore, arrestato il trans per spaccio di droga dai Carabinieri

Omicidio Cerciello: l’aggressione di Elder e Hjorth

consiglio di statoA ricostruire la vicenda di quella notte è stato il sostituto procuratore Maria Sabina Calabretta, nel corso dell’arringa. La Calabretta ha chiesto l’ergastolo per i due giovani statunitensi. I presunti killer di Mario Cerciello Rega sono Finnegan Lee Elder e Gabriel Natale Hjorth. Il procuratore ha parlato di un uomo che lavorava, ucciso “da due giovani che volevano passare la serata divertendosi cercando cocaina”; prosegue poi dicendo che il suo compito è quello di dimostrare la morte di Cerciello per mano di due assassini. I due sono accusati di omicidio volontario. Calabretta ha dichiarato inoltre: “È stata un’aggressione, un attacco violento, micidiale, sproporzionato” e poi “poco avrebbe potuto fare per difendersi anche se fosse stato armato, ma non lo era. La finalità di quell’azione era unicamente uccidere”. Termina l’arringa sottolineando la sua volontà di far giustizia e di non uccidere Cerciello una seconda volta.

Ti consigliamo come approfondimento – De Luca scuole chiuse, genitori no Dad inferociti: “Ricorso al Tar e scioperi”

Omicidio Cerciello. Non ebbe il tempo di difendersi

pulizia covid-19 calabria autodichiarazione, concorso cancellieri espertiMario Cerciello Rega venne ucciso con undici coltellate sferrate rapidamente in un tempo pari a trenta secondi. Il pm D’Elia ha sostenuto che Cerciello non ha avuto il tempo di elaborare nessuna difesa, e che non vi è alcun segno di strangolamento.  Ha proseguito dicendo: “Il passaggio alle spalle di soppiatto dei due carabinieri non è ragionevole. E il collega Andrea Varriale non è potuto intervenire in quanto assorbito dalla colluttazione con Natale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 3 =