Omicidio per “delirio di gelosia”, assoluzione shock per il femminicida

0
470
Omicidio delirio gelosia

Omicidio delirio gelosia? Questa la sentenza bizzarra per il femminicida di Brescia. La Corte di Assise di Brescia ha proclamato che l’uomo non era in grado di intendere e di volere. Interdizione mentale, dunque, per Antonio Gozzini. Dopo aver pugnalato la moglie, restò vegliare il suo corpo per ore.

Ti consigliamo come approfondimento – Terza vittima genovese, lo sfogo in tv: “Sono stata chiusa e molestata”

Omicidio delirio gelosia, il femminicida “incapace di intendere”

BRESCIA – Pare sia arrivato a concludersi il processo che vede protagonista Antonio Gozzini.
L’omicida uccise la moglie Cristina Maioli nella propria abitazione la notte tra il 3 e il 4 ottobre 2019. Avvenne nel bresciano, in via Lombroso.
Lei dormiva, Gozzini la colpì alla testa con un martello per farle perdere del tutto i sensi. Successivamente, con un coltello da cucina le recise la gola.
L’uomo sarebbe poi rimasto “a guardia” del corpo per alcune ore. Una lunga veglia che si stava per concludere con il suicidio dello stesso, con tagli alle vene e antidepressivi. L’uomo sarebbe stato poi fermato da un amico, col quale era in corso di chiamata dopo l’omicidio.
Sarebbe stato proprio Gozzini a chiamare la polizia, in un minimo barlume di lucidità.
Oggi la sentenza della Corte d’Assise di Brescia ha fermato di nuovo le lotte contro le violenze: l’uomo è stato assolto per un vizio di mente.

Ti consigliamo come approfondimento – Endometriosi, malattia cronica: 3 milioni di donne in Italia ne soffrono

Delirio di gelosia, la follia di un uomo che ha ucciso una donna

consiglio di statoUna sentenza molto originale quella divulgata oggi dalla Corte d’Assise, sul caso di Antonio Gozzini. “Delirio di gelosia“, movente e assoluzione. L’uomo è stato dichiarato incapace di intendere e di volere. Affetto da un vizio di mente che avrebbe dovuto ottundere i suoi sensi fino a ritrovarsi in shock davanti al cadavere della moglie.
Questo, a grandi linee, il quadro delineato dalla difesa: “Era in preda ad un evidente delirio da gelosia che ha stroncato il suo rapporto con la realtà e ha determinato un irrefrenabile impulso omicida“. A sostegno della tesi: l’uomo era in cura per depressione.
Delusa la PM Claudia Passalaqua, l’accusa chiedeva l’ergastolo. La sentenza sarebbe stata accolta dai giudici. Si dice soddisfatto Jacopo Barzellotti, legale dell’accusato: “La sentenza rispecchia quanto emerso nel dibattimento e cioè che il mio assistito non era capace di intendere e volere“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette + 7 =