Omicidio Floris, Paolo Riccone confessa: “Sono stato io ad ucciderla. Ero in un raptus”

0
384
Omicidio Floris Paolo Riccone
Fonte Today.it

Omicidio Floris Paolo Riccone, il suo compagno, ha confessato di averla uccisa a coltellate a Incisa Scapaccino, un piccolo paesino dell’Astigiano. L’omicidio sarebbe avvenuto intorno al 7 giugno. L’avvocato chiede una perizia psichiatrica per l’assassino.

Ti consigliamo come approfondimento-Il mondo economico e i figli attendono l’apertura del testamento di Berlusconi

Omicidio Floris Paolo Riccone confessa

bambina seppellita Napoli bambina maltrattata, roma pugile balcone, Bill Cosby aggressione sessuale minorenne,Paolo Riccone, consulente economico di 57 anni, ha confessato agli inquirenti l’omicidio della compagna Floriana Floris. L’uomo avrebbe dichiarato agli inquirenti: “Sono stato io, ero in preda a un raptus”. Floriana Floris è la quarantanovenne uccisa a coltellate a Incisa Scapaccino, un piccolo paesino in provincia di Asti Il cadavere della donna è stato scoperto lo scorso 9 giugno. Ma secondo quanto emerso dall’autopsia il delitto era stato commesso due giorni prima. Per i due giorni successivi Riccone avrebbe vegliato il corpo della compagna. Gli investigatori trovarono Piccone in casa, vicino al cadavere. Il consulente disse che aveva trovato la compagna già morta al suo rientro in casa. Subito dopo i fatti l’uomo avrebbe tentato il suicidio ingerendo della candeggina oltre ad alcuni tranquillanti. Ma sarebbe stato svegliato solo martedì sera dal coma farmacologico.

Ti consigliamo come approfondimento-Youtuber guida 50 ore per un video: si ferma dopo aver ucciso un bambino di 5 anni

Omicidio Floris Paolo Riccone: autopsia conferma

L’autopsia eseguita sul corpo della vittima ha evidenziato che sono state oltre 30 le coltellate inferte alla donna. Ci sarebbero ferite anche sulle mani, a indicare che avrebbe inizialmente tentato di difendersi.  L’ammissione di colpa è stata fatta davanti al pm Eleonora Guerra della procura di Alessandria e in presenza del suo avvocato, Federica Falco. Tale confessione sembrerebbe eliminare definitivamente ogni dubbio sull’omicidio. Secondo i carabinieri di Asti sarebbe stato commesso da Riccone oltre ogni ragionevole dubbio. Le indagini potrebbero continuare o terminare qui.

Ti consigliamo come approfondimento-Ginecologo condannato per violenza e stupro a 277 anni e 80 giorni di carcere

Omicidio Floris Paolo Riccone: richiesta perizia psichiatrica

Papà dona polmone, Urbino incidente donna incinta, Pompei cardiologo molesta pazienti, Padova Tablet esplode, Milano vigili Ferrari, ponza pronto soccorso, vaiolo scimmie barletta, bari chirurgo infarto, neonato 370 grammi,manichetti lockdown no vax,Nel frattempo, il suo legale Federica Falco ha detto: “Ma è chiaro che a questo punto è questione di ore, a seconda dalla strada che la procura deciderà di percorrere. Per quanto ci riguarda, chiederò un approfondimento psichiatrico per ora e per allora. Ritengo che Riccone abbia grosse difficoltà e che queste siano l’evoluzione di un problema che già c’era. Sono poche frasi che ha detto, a poche ore dal risveglio e in un quadro che è ancora di forte carica emozionale. Le sue parole sono ancora da analizzare compiutamente e quindi approfondire è garantista nei suoi confronti”. Dagli approfondimenti eseguiti dai Carabinieri è stato confermato che Riccone da qualche tempo soffriva di crisi depressive. Inoltre, era seguito da uno psicologo. Prima di incontrare Floriana Floris era rimasto vedovo, una decina di anni fa.

L’anno scorso aveva perso la madre e lo scorso 2 maggio il padre, storico benzinaio del paese. La coppia si era stabilita a Incisa Scapaccino due anni fa, con ogni probabilità proprio per seguire i genitori di lui che stavano male.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × tre =