Omicidio-suicidio: 78enne uccide la moglie nel sonno e poi si spara

0
321
omicidio suicidio

Omicidio suicidio a Torino. Un uomo di 78 anni uccide la moglie mentre dorme e dopo si toglie la vita sparandosi. La confessione lasciata in un bigliettino. L’uomo ha allertato lui stesso il 112 dopo aver ucciso la moglie e poco prima di spararsi alla tempia. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Antonio Natale torturato fino alla morte? Si attende autopsia, oggi funerali

Omicidio suicidio a Torino: il ritrovamento 

omicidio suicidio, omicidio suicidio caniÈ successo nella notte. In via San Quintino. Ancora senza parole sono gli abitanti del vicinato. Le Forze dell’Ordine sarebbero state allertate dallo stesso uomo che avrebbe confessato a telefono l’omicidio della moglie 75enne. Poco dopo la telefonata con un unico colpo alla nuca il 78enne si sarebbe poi tolto spontaneamente la vita. Il 112 ha trovato il cadavere della moglie nel letto. Anche la donna sarebbe morta per mezzo di un unico colpo di arma da fuoco alla nuca. Probabilmente il marito l’avrebbe uccisa mentre la donna già dormiva. Il corpo dell’uomo è stato invece trovato senza vita sul divano del soggiorno.

Ti suggeriamo come approfondimento – Omicidio a Ercolano, l’accusato chiede scusa: “Non volevo ucciderli”

Omicidio suicidio a Torino: il biglietto di addio dell’uomo

omicidio suicidio, Napoli incidente camion, campania esplosione commissariato,Tragedia funivia Stresa, Concorso Polizia Municipale Bacoli, Veggente tedesco Madeleine McCann, Napoli bambino caduto, Verona mamma uccide figlie,Le Forze dell’Ordine indagano ora sulla coppia di origine pugliese e in particolare sulla vita dell’uomo. L’obiettivo è trovare un movente che giustifichi il gesto tanto estremo. Gli agenti sulla scena del crimini hanno rinvenuto un biglietto d’addio sul tavolo nella cucina. Nel biglietto tuttavia l’uomo non avrebbe fatto riferimento alla cause che lo hanno spinto a tanto. Sembrerebbe che nel breve foglio l’uomo abbia chiesto scusa ai figli per il dolore che gli avrebbe arrecato.Da un primo controllo degli inquirenti sembrerebbe che la pistola usato dall’uomo fosse da lui regolamento detenuta. In attesa di interrogare vicini e parenti stretti le salme sono ora sotto la custodia delle Forze dell’Ordine per l’autopsia di controllo. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 1 =