Omicidio choc: uccide l’amica incinta e tenta di rapire il feto: condannata

0
410
uccide donna incinta
Dai profili Facebook di Rozalba Maria Grime (in basso) e Flavia Godinho Mafra (in alto)

Una 27enne uccide donna incinta di 36 settimane. L’obbiettivo era rubarle il feto e farlo passare per suo. La 27enne è stata condannata. La vittima è invece morta per dissanguamento a causa del cesareo effettuato contro la sua volontà. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Genitori stupravano ripetutamente figlie “in nome di Dio”. Condannati

Uccide donna incinta: l’omicidio premeditato 

donna incinta, uccide donna incinta Succede in Brasile, lo scorso agosto. La vittima si chiamava Flavia Godinho Mafra aveva 24 anni ed era in dolce attesa di una femmina alla 36esima settimana. L’omicida era una conoscente della vittima, Rozalba Maria Grime di 27 anni. Secondo quanto riportato dalle testate giornalistiche, la 27enne avrebbe premeditato per molto tempo l’omicidio. L’obbiettivo era uccidere l’amica e appropriarsi del bambino facendolo passare per suo. Per evitare sospetti la 27enne avrebbe anche inscenato una finta gravidanza. Sul suo profilo Facebook si vedono foto della finta pancia e post che parlano della sua finta gravidanza. Sarebbe proprio al finto baby shower che la Grime avrebbe agito. Mafra si sarebbe recata alla festa, ma in casa era presente solo l’amica che l’avrebbe colpita in testa con un mattone facendole perdere i sensi. Usando un coltello multiuso la Grime avrebbe effettuato il cesareo per estrarre il feto dalla 24enne. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Violenza brutale, uomo massacrato a bastonate perché ha difenso l’amica da uno stalker!

Uccide donna incinta: la condanna 

uccide donna incinta, consiglio di stato, processo ciro grilloDopo aver nascosto il corpo della donna, ancora viva ma in fin di vita in un vicolo, la 27enne si sarebbe recata al pronto soccorso. Qui avrebbe detto ai medici di aver avuto un parto prematuro e avrebbe richiesto l’ospedalizzazione. I soccorsi dopo una prima visita alla donna avrebbero subito capito che la 27enne non aveva partorito la bambina con se e hanno sporto denuncia. Le Forze dell’Ordine tornando a casa della colpevole hanno trovato il corpo della 24enne ormai deceduta per dissanguamento. Seppur alla 36esima settimana, la bambina è riuscita a salvarsi. Sarà affidata al padre naturale e alla sua famiglia. Per la 27enne è stata in questi giorni ufficializzata la condanna per omicidio premeditato. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 1 =