OnlyFans, non solo porno: il social spopola tra musei e influencer (non sempre nudi)

0
152
onlyfans nudo

Onlyfans nudo. Il social “hot” a pagamento è spesso assimilato alla pornografia. Ma in realtà è tanto di più. Consente di avere spazio online anche ad artisti del nudo. Disegnatori, pittori e fotografi di nudo. Ma anche sportivi, calciatori, musicisti o attori un po’ “esibizionisti”. E non sempre a pagamento. Vediamo meglio nel dettaglio.

Ti consigliamo come approfondimento – Modella su Onlyfans guadagna 350mila euro mostrando le ascelle

Onlyfans nudo: il sito “caldo” più chiacchierato del web

Catania donna nuda,, onlyfans nudoMolti delle ultime generazioni guardano i porno. E non solo delle ultime. Spesso però si confonde il porno con la nudità o con l’erotismo. In realtà sono cose molto diverse.

OnlyFans nasce con lo scopo di rendere pubblicabile, su un social vietato ai minori, tutti quei contenuti, anche di per sé “innocenti”, che altri social pubblicano. Così dei fotografi del nudo approdano su questa piattaforma. Spesso, magari, dopo essere stati addirittura bannati da Instagram e Facebook per delle foto di ragazze o ragazzi in intimo.

Le nudità causano sempre reazioni. Talvolta esagerate, come quelle delle storiche censure al nudo artistico. Le forme femminili, e quelle maschili, ben rappresentate artisticamente, trovano spazio così. Ma non solo quello, ovviamente. È diventato anche sede di molta pornografia amatoriale e non solo.

Ti consigliamo come approfondimento – Social censurano nudi d’arte: il Museo di Vienna li carica su un profilo OnlyFans

Onlyfans nudo: molti iscritti e “produttori” (anche italiani)

Catania donna nuda, onlyfans nudo,La piattaforma social vietata ai minori di 18 anni ha avuto, durante la pandemia, larghissima diffusione. Tanto da essere stati oggetto di attenzione da parte dei social media. Tanti iscritti in tutto il mondo, anche in Italia. E anche in Italia sono molti i “creators”, i generatori di contenuti.

Molte le celebrità, in Italia e nel mondo, che generano contenuti. Il fotografo Alexander Moore ha fatto del suo account OnlyFans una vera e propria galleria del nudo artistico. Foto artistiche che ritraggono prevalentemente uomini nudi o in pose vedo-non vedo. Tutti quei contenuti censurabili dalla “buoncostume” dei social ordinari finiscono sulla piattaforma a pagamento.

Anche dei calciatori finiscono su OnlyFans. Un calciatore e modello italo-australiano, noto sui social come Justasoccerboy, porta le sue passioni, il nudo e il calcio, sulla piattaforma per adulti. Anche influencer molto seguiti, come Denis Dosio e suo fratello, hanno aperto i loro account. Non mancano gli attori: Tyler Posey, protagonista della fortunata serie Teen Wolf, ha un suo account dove suona in intimo e non solo, e dove porta pochissimo nudo integrale.

Non mancano anche altri influencer, modelli e persino giovani studenti universitari, nella piattaforma. Molto in vista in Italia un noto e apprezzato tiktoker bresciano. Ma anche italiani produttori di contenuti per altre piattaforme per adulti sbarcano sul social.

Ti consigliamo come approfondimento – Denis Dosio, alzabandiera e rapporto BDSM con l’amico: ecco la sua festa della Repubblica su Onlyfans

Onlyfans nudo: desiderio d’evasione o semplice lucro?

onlyfans nudoC’è molta gente che approda a Onlyfans esclusivamente per erotismo o onanismo. Ma molti anche che generano contenuti per desiderio d’evasione. Dosio è descritto dalla madre come esibizionista, per esempio. Un esibizionista che, a giudicare dai contatti, potrebbe guadagnare anche diverse migliaia di euro al mese con il suo esibizionismo.

Altri probabilmente lo fanno per passione o anche solo per evasione. Il guadagno, secondo le stime del sito, è più elevato per le ragazze che per i ragazzi. Ma sembra che i più cercati siano proprio i secondi. Soprattutto persone celebri e tiktoker. Giovani, anche protagonisti di pubblicità discusse, che mostrano i loro nudi, con apprezzamento degli abbonati che pagano decine, a volte anche centinaia, di euro al mese.

Secondo alcuni, questo portale sta limitando la nascita di nuovi prostituti e prostitute occasionali. Quelli, cioè, che si prostituiscono, grazie a siti appositi, per arrotondare i propri guadagni. Altri, invece, ritengono che sia solo una nuova frontiera della prostituzione. C’è anche chi ritiene che un social che non censura i nudi sia comunque valido. E chi, invece, afferma che in questa maniera il nudo diventa solo più squallido.

L’eterno scontro tra moralismo e libertinismo. Chi ha ragione?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × 5 =