Orlando, 18enne, indotto al suicidio perché gay. Madre: “Voglio giustizia”

0
196
orlando suicida torino
Orlando Merenda, dal profilo Facebook di suo fratello Mario Merenda

Orlando suicida Torino – è questo il drammatico epilogo della vita di un ragazzo di appena diciott’anni. Si è buttato sotto un treno, esasperato dai continui gesti d’odio da parte di suoi coetanei. Orlando era gay, per questo deriso e bullizzato ogni singolo giorno. La madre, straziata dal dolore, ora punta solo a ottenere giustizia.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaticano contro il Ddl Zan, quando la Chiesa dimenticò la laicità dell’Italia

Orlando suicida Torino, il fratello: “Era preoccupato da tempo”

orlando suicida torino
Orlando Merenda, dal profilo Facebook di suo fratello Mario Merenda

Nessun preavviso, nessun segnale d’allarme – Orlando Merenda è uscito di casa dopo aver fatto colazione, per non tornare mai più. Domenica 20 giugno, il giovanissimo è stato travolto dal treno regionale Chieri-Rivarolo alle 14:35. Chi conosceva Orlando, pensa che sia stato un suicidio. Tempo prima, aveva confidato a suo fratello di essere stato preso di mira da delle persone a causa della sua omosessualità. Offese, insulti, mortificazioni e tanto altro – il ragazzo non riusciva più a reggere tutta quella sofferenza. “Era preoccupato e non mi ha fatto i nomi di chi gli faceva del male, ha dichiarato il fratello, Mario Merenda. “Diceva che queste persone mettevano in dubbio la sua omosessualità.” L’anima di Orlando non sembra aver trovato affatto la pace che desiderava: sui suoi profili social, sono continuate ad arrivare offese dovute dal suo orientamento sessuale. Orlando non era libero di amare chi voleva – e il contrario dell’amore, è la morte.

Ti consigliamo come approfondimento – Sparatoria a Pozzuoli, 51enne ferito da un colpo mentre tornava a casa

Orlando suicida Torino: le dolorose parole della madre

violenza napoli moglie, cane salva neonato, figlia abusi padre“Chi mi ha tolto la mia gioia si pentirà amaramente. Sei stato ingannato, plagiato, deriso, umiliato. Il tuo carattere così fragile, non sapevi dire di no. Sei stato l’amico di tutti. Troveremo giustizia, sono le parole di sua madre, Anna Screnci, addolorata per l’irreparabile perdita. “La mia colpa è quella di essere stata lontana quando lui ne aveva bisogno, nella fase dell’adolescenza”, è il suo rimorso. La donna, infatti, è reduce di un duro periodo. La separazione con suo marito dopo anni di matrimonio, l’ha indotta a restare lontano da casa, rifugiandosi in Calabria. Ora è tornata a Torino per dare un ultimo saluto al suo Orlando.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 3 =